Vuelta a España 2018, Bouhanni come l’Araba Fenice: “Era un’occasione da non perdere”

Nacer Bouhanni ha messo la sua ruota davanti a tutti nella sesta tappa della Vuelta a España 2018. Reduce da una giornata controversa, con una multa ricevuta per “comportamento tra un corridore e un direttore sportivo che danneggia l’immagine del ciclismo” per una ricostruzione poi smentita sia dal diretto interessato che dalla squadra, il velocista della Cofidis, Solutions Crédits si è rifatto con gli interessi regolando tutti gli avversari più accreditati nel secondo arrivo a ranghi compatti del GT iberico. Impostata una volata lunga, l’ex boxeur ha sgomitato con Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), che ha lamentato un suo cambio di traiettoria rialzandosi negli ultimi 50 metri, ed è riuscito a resistere al ritorno di Danny Van Poppel (LottoNL-Jumbo) ed Elia Viviani (Quick-Step Floors) regolandoli nell’ordine sul traguardo di San Javier.

“Il finale era molto nervoso e bisogna essere forti. Ho provato a restare tra i primi e devo ringraziare la squadra per il lavoro che ha svolto. Mi hanno permesso di restare sempre tra i primi 30/40. Sapevamo che bisognava affrontare l’ultima curva in buona posizione per avere chance, inoltre c’era il vento a complicare le cose. Quella di oggi era un’occasione da non lasciarsi sfuggire – ripete più volte – perché era per sprinter puri. Alle prossime tappe penserò più avanti”.

Il successo odierno chiude un periodo decisamente complicato per Bouhanni, iniziato con l’esclusione a sorpresa dal roster per il Tour de France 2018 a vantaggio del compagno di squadra Christophe Laporte e terminata con l’episodio incriminato di ieri: “Mi sono sempre allenato con professionalità, la carriera di uno sportivo è fatta di alti e bassi. Ho saputo rialzarmi e spero di continuare così“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.