© A.S.O./Charly Lopez

Tour de France 2021, Mark Cavendish fa tris! Battuti Wout Van Aert e Jasper Philipsen, Tadej Pogacar resta in Maglia Gialla

È Mark Cavendish il re delle volate al Tour de France 2021. Dopo aver vinto la quarta e la sesta tappa, infatti, il velocista britannico si è imposto anche nella decima frazione della Grande Boucle dopo una volata ancora una volta lanciata perfettamente della Deceuninck-QuickStep. Si deve dunque accontentare del secondo posto Wout Van Aert (Jumbo-Visma), autore di un buono sprint, che riesce ad anticipare il connazionale Jasper Philipsen (Alpecin-Fenix), ancora una volta sul podio di giornata. Non cambia la classifica generale, tutti i big sono riusciti ad arrivare nel primo gruppo nonostante un po’ di vento e di nervosismo che nel finale hanno provocato alcune fratture nel plotone.

Subito dopo il via, Tosh Van Der Sande (Lotto Soudal) e Hugo Houle (Astana – Premier Tech) si sganciano dal gruppo dando vita alla prima, e unica, fuga di giornata. Il gruppo tiene a bagnomaria i fuggitivi di fatto per tutto il tempo, nonostante qualche tentativo estemporaneo di attacco a cavallo dei 165 chilometri dal traguardo. Di fatto non succede nulla, con i fuggitivi che, dopo avere avuto anche sei minuti di vantaggio, si assestano sui tre minuti. L’unica nota di cronaca da qui in avanti è una caduta in gruppo che coinvolge Julien Simon e Mads Pedersen, con quest’ultimo costretto a un lungo inseguimento insieme al compagno Bernard per tornare in gruppo. Molto bene, invece, Sonny Colbrelli che passa per terzo al Traguardo Volante di La Placette guadagnando 15 punti su Mark Cavendish in ottica Maglia Verde.

La corsa si trascina senza ulteriori scossoni, con il gruppo che continua a fare l’elastico, avvicinandosi ai battistrada e poi rallentando più volte grazie al sapiente lavoro di Team DSM, Deceuninck-Quick-Step e Arkéa-Samsic. Poco prima dei 60 chilometri dal traguardo finisce a terra anche Richie Porte insieme ad alcuni compagni di squadra, e a Jonas Rickaert, Bauke Mollema e Mike Teunissen. A 40 chilometri dall’arrivo il gruppo, che sembrava finalmente destinato a riprendere i fuggitivi (ormai a meno di 30”), rallenta di nuovo permettendo a Houle di liberarsi del rivale e di provare un’avanscoperta solitaria però molto breve, utile per guadagnarsi il premio della combattività. Il gruppo torna così finalmente compatto a 36 chilometri da Valence con Deceuninck-Quick-Step e BORA-hansgrohe che possono così alzare il ritmo nonostante un forte vento contrario, leggermente laterale.

Il gruppo si allunga ma non si spezza, ma a perdere contatto è Colbrelli, vittima di una foratura a poco più di 25 chilometri dall’arrivo. Dopo aver cambiato la bici, il campione italiano riesce a rientrare anche grazie al rallentamento dell’andatura, che però riprende ad aumentare a 15 chilometri dalla conclusione, con il vento che torna a soffiare lateralmente. Il plotone si spezza e davanti rimangono circa 50 corridori, sui quali riescono poi a rientrare un’altra trentina di uomini. Questo gruppo arriva dunque a giocarsi la vittoria allo sprint, dove la Deceuninck-QuickStep è ancora una volta perfetta nel lanciare la volata di Cavendish.

Risultato Tappa 10 Tour de France 2021

Classifica Tour de France 2021

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Sinceramente non capisco la strategia dell’Ineos e della Movistar, con i suoi big in ritardo perfino in una tappa di pianura. Se si vuole contrastare Pogacar bisogna attaccarlo, non arrivare con minuti di ritardo. Vediamo domani cosa faranno questi ex big, a partire da Miguel Angelo Lopez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.