© LaPresse

Giro d’Italia 2020, Top/Flop del Giorno

La nostra rubrica che traccia il bilancio della tappa del giorno al Giro d’Italia 2020.

TOP

Tao Geoghegan Hart (Ineos-Grenadiers): Il britannico si presentava a questo Giro solo per fare da supporto da Thomas e forse per questo non ha brillato nella prima settimana, ma ora che la condizione è arrivata si scopre uno dei più forti in assoluto in salita. Sfrutta il gran lavoro della Sunweb per infilare i rivali con la progressione negli ultimi 200 metri che gli vale un bellissimo successo di tappa e una dedica speciale. Il podio, ora, è solo a un secondo, e con questa gamba sognarlo non è una follia.

Team Sunweb: La squadra tedesca si dimostra la più forte in gara. Detta il ritmo su tutta la salita finale, spendendo con intelligenza i propri uomini per mandare in difficoltà gli altri capitani. Jai Hindley, grossa sorpresa di giornata, tiene un passo così alto da poter essere tenuto solo dal vincitore di giornata e dal proprio leader Kelderman, che riesce così a guadagnare su tutti i concorrenti più diretti. Ora il neerlandese è vicinissimo alla maglia rosa e con un margine molto ampio sugli altri possibili avversari.

João Almeida (Deceuninck-Quick-Step): Il giovane portoghese non smette di sorprendere. Su un arrivo adatto ad altri corridori in gruppo, stringe i denti il più possibile e riesce a limitare i danni, salvando la maglia rosa per 15″. Ma la notizia ai limiti del clamoroso è vederlo arrivare un minuto prima di scalatori puri ben più esperti e quotati di lui dopo due settimane di corsa, Nibali su tutti. In quanti avrebbero scommesso su di lui in rosa al secondo giorno di riposo?

FLOP

Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo): Il siciliano finora si era sempre salvato, limitando i danni anche in giornate in cui non era sembrato brillantissimo. Stavolta però cedere più di un minuto e mezzo a Kelderman e Geoghegan Hart su una salita come Piancavallo porta a un passivo pesante in classifica generale, dove ci sono più di 3 minuti da recuperare ai primi due. La terza settimana è durissima e il margine per recuperare c’è, ma con la gamba mostrata finora non sarà semplice.

Domenico Pozzovivo (NTT): Il lucano sembrava davvero il più in forma di questo Giro, dopo aver sempre battagliato con i migliori in salita ed essersi difeso a cronometro, specialità che mal digerisce. Forse proprio lo sforzo di ieri presenta il suo conto, e stavolta il piccolo scalatore alza bandiera bianca già a una decina di chilometri dalla vetta. Un plauso comunque al suo carattere, che gli permette di limitare i danni su tanti avversari.

Jakob Fuglsang (Astana): Attardato a cronometro, staccato in salita. Un suo momento di difficoltà porta a un frazionamento nel gruppo dei migliori, poi il danese cerca di tenere con il proprio passo e arriva nel gruppetto con Nibali e Bilbao. Rispetto agli altri uomini di classifica sotto le aspettative, ha l’aggravante di far lavorare i compagni di squadra nella prima parte della salita finale, pur sapendo di avere pochi uomini a disposizione su questo tipo di arrivo.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.