© Sirotti

Tokyo 2020, Simon Geschke dall’isolamento: “L’esperienza più simile al carcere che farò in vita mia”

Avventura da incubo per Simon Geschke a Tokyo 2020. Il corridore della Cofidis era volato in Giappone per partecipare alla prova in linea con i compagni di nazionale, ma ha dovuto rinunciare dopo la positività al Covid-19. Il classe ’86 si è dovuto accontentare di guardare i suoi  tre compagni in tv (il migliore dei quali è stato Maximilian Schachmann, decimo a 1’21” da Richard Carapaz) è stato allora trasferito nell’hotel appositamente preparato per la quarantena e ha deciso di raccontare sui social l’esperienza, definendola con un pizzico d’ironia “la più simile al carcere” che farà mai.

“Sono nell’hotel ufficiale per la quarantena di Tokyo 2020 – ha esordito – Finestre chiuse, possibilità di lasciare la camera tre volte al giorno e altoparlanti che ti svegliano alle 7 del mattino per il controllo della temperatura. Si può dire che questa è (si spera) l’esperienza più simile alla prigione che vivrò mai. Anche il cibo è abbastanza “basico”. Non ho ancora nessun sintomo e c’è poco virus nel mio corpo. Non mi hanno fatto sapere ancora per bici e rulli, li ho chiesti, ma dovrebbe essere un no”.

 

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.