© LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi

Presentazione Percorso e Favoriti Vuelta a Burgos 2019

Finita l’attesa per la Vuelta a Burgos 2019. La corsa a tappe spagnola, che si correrà da domani 13 agosto fino a sabato 17 agosto, è ormai giunta alla sua quarantunesima edizione e anche quest’anno, come da tradizione, promette spettacolo. Rispetto allo scorso anno aumenta il numero di formazioni presenti ai nastri di partenza che passa da 15 a 18, con Movistar, Ineos, Dimension Data e UAE Emirates a rappresentare il WorldTour. Il campione in carica è Iván Ramiro Sosa, l’anno scorso al Team Androni e quest’anno in forze al Team Ineos, pronto a difendere la corona dagli assalti di uomini che arriveranno sulle strade iberiche per affinare la condizione in vista della Vuelta a España 2019.

Hashtag ufficiale: #VueltaBurgos

Albo d’oro recente Vuelta a Burgos

2018 | SOSA Iván Ramiro
2017 | LANDA Mikel
2016 | CONTADOR Alberto
2015 | TAARAMÄE Rein
2014 | QUINTANA Nairo
2013 | QUINTANA Nairo
2012 | MORENO Daniel
2011 | RODRÍGUEZ Joaquim
2010 | SÁNCHEZ Samuel
2009 | VALVERDE Alejandro

Percorso Vuelta a Burgos 2019

Il percorso ruoterà sempre intorno alla città dalla quale prende il nome la corsa, situata nella regione di Castilla y Leon e, come d’abitudine, saranno gli scalatori i protagonisti dei cinque giorni di corsa. Si partirà con una tappa di 162 chilometri con partenza da Burgos e arrivo all’Alto di Castillo, uno strappo di 1 km al 6,1%, che i corridori avranno già affrontato anche ai -14 dal traguardo. La seconda tappa, invece, sarà molto mossa con partenza da Gumiel de Izán e arrivo a Lerma dopo 155 chilometri caratterizzati da molti brevi saliscendi, che però non dovrebbero creare particolari difficoltà. La terza tappa sarà presumibilmente quella che creerà i distacchi maggiori in classifica e che vedrà i corridori partire da Sargentes de la Lora per affrontare in successione Alto de la Mota (4,5 km al 6%), Alto Escalerón (3,6 km al 6%), Alto de Ailanes (2,8 km al 7,5%) e Alto de Retuerta (3,8 km al 7,5%) prima di giungere ai piedi della salita finale di Picón Blanco (7,8 km al 9,3%), che chiuderà i 150 chilometri.

La quinta tappa, 174 chilometri da Atapuerca alla città romana di Clunia, sarà mossa soprattutto nella parte centrale, con l’Alto del Majadal (7,1 km al 2,8%), seguito da alcuni strappetti non categorizzati, ai quali seguirà una discesa con la strada che tornerà poi a salire nel finale. L’ultima tappa, la Santo Domingos de Silos- Lagunas de Neila, sarà quella dal chilometraggio più breve (146 km) ma anche quella che, come lo scorso anno, potrebbe risultare decisiva a causa delle varie difficoltà altimetriche che i corridori incontreranno sul tracciato, in particolare le salite di Alto del Cerro (5,4 km all’1,9%) e Alto del Collado de Vilviestre (3 km allo 0,9%) che precederanno la salita finale decisiva (11,8 km al 5,6%).

Tappe Vuelta a Burgos 2019

13/8 Tappa 1 – Burgos › Burgos (162 km)
14/8 Tappa 2 – Gumiel de Izan › Lerma (155 km)
15/8 Tappa 3 – Sargentes de la Lora › Picon (150 km)
16/8 Tappa 4 – Atapuerca › Ciudad Romana de Clunia (174 km)
17/8 Tappa 5 – Santo Domingo de Silos › Lagunas de Neila (146 km)

Favoriti Vuelta a Burgos 2019

Clicca qui per la startlist

Iván Ramiro Sosa (Team Ineos) si presenta da campione in carica e anche per questo con i galloni del favorito. Spuntarla, però, non sarà facile perché sulla sua strada troverà rivali molto ostici, a partire dal vincitore del Giro d’Italia Richard Carapaz (Movistar) che farà il suo ritorno alle corse con in mente l’obiettivo Vuelta a España 2019. Appena dietro questi due, ci saranno con animi diversi Rui Costa (UAE Emirates), voglioso di riscattare un 2019 avaro di successi e Guillaume Martin (Wanty-Gobert), che invece arriva sulle ali dell’entusiasmo di un  Tour de France chiuso con una buona dodicesima posizione. In casa Ineos non mancheranno validissime alternative a Sosa, si tratta di David De La Cruz e Kenny Elissonde, che potrebbero anche scalzare il colombiano nelle gerarchie. Più difficile che ribaltino le gerarchie, ma comunque valide alternativi ai propri capitani restano anche Carlos Betancur (Movistar) e Jan Polanc (UAE Emirates).

Ci sarà poi in cerca di riscatto anche Louis Meintjes (Dimension-Data), sempre più uomo misterioso nelle ultime due stagioni quando avrebbe dovuto invece compiere il tanto atteso salto di qualità. Per quanto riguarda le formazioni italiani presenti al via, invece, i fari saranno puntati soprattutto sul giovane talento costaricense Kevin Rivera (Androni-Giocattoli Sidermec), già vincitore quest’anno del Sibiu Tour. Altri nomi da segnalare sono quelli di Ruben Plaza (Israel Cycling), Sergei Chernetski (Caja Rural), Delio Fernandez (Delko-Marseille), Rafa Valls (Movistar), Diego Rubio (Burgos BH) e del sempre verde Pierre Rolland (Vital Concept).

Borsino favoriti Vuelta Burgos 2019

***** Ivan Ramiro Sosa
**** Richard Carapaz, Rui Costa
*** Guillame Martin, David De La Cruz, Kevin Rivera
** Jan Polanc, Carlos Betancur, Louis Meintjes, Kenny Elissonde
* Ruben Plaza, Sergei Chernetski, Delio Fernandez, Rafael Valls, Pierre Rolland

Altimetrie e Planimetrie Vuelta a Burgos 2019

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.