Mondiali Glasgow 2023, Tom Pidcock: “Io non ho chiesto nulla e non volevo essere coinvolto in questo casino, ma l’UCI doveva comunicare prima il cambio di regola”

La gara maschile di Cross Country della Mountain Bike ai Mondiali di Glasgow 2023 è stata altamente spettacolare, anche se ha perso uno dei protagonisti più attesi, Mathieu van der Poel, dopo pochi minuti. Il prima e il dopo sono stati altrettanto accesi, viste le tante polemiche che sono seguite alla decisione dell’Unione Ciclistica Internazionale di “spostare più avanti” nella griglia di partenza alcuni corridori, fra cui proprio Van der Poel e Tom Pidcock, poi vincitore della competizione. Uno dei corridori, il francese Victor Koretzky, quarto all’arrivo, ha parlato di una “cosa disgustosa”.

Sul punto ha espresso la sua posizione proprio Pidcock: “Io non volevo essere coinvolto in questo casino del cambio di regolamento – ha scritto l’inglese su X/Twitter – Ma ora penso che sia necessario che io dica alcune cose. Anche se tutto questo ha finito per darmi un beneficio (di una fila), sono completamente in disaccordo con quello che è stato fatto. Questa regola non è stata fatta per me e non è stata chiesta né da me né dai miei tecnici”.

Il britannico ha aggiunto: “Io stesso ho sacrificato tre settimane di preparazione per il Tour de France 2023 allungando il calendario di gare in primavera e posticipando la mia pausa agonistica per riuscire a prendere più punti possibili in vista di questi Mondiali (Pidcock ha gareggiato a maggio nella tappa di Coppa del Mondo di Nove Mesto, vincendo peraltro sia la prova breve che quella “olimpica” – ndr). Se dovevano mettere una regola così, dovevano farlo a inizio stagione. Quindi, sono d’accordo con la posizione degli altri bikers”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio