Regolamento Giro d’Italia 2022: Abbuoni, Classifiche, Combattività, Punti, GPM, Tempo Massimo

Andiamo a scoprire i punti più importanti del regolamento del Giro d’Italia 2022. Come da tradizione vi proponiamo il nostro articolo in modo da potervi destreggiare tra calcoli sul Tempo Massimo, sugli Abbuoni, sui Traguardi Volanti o sulle infinite classifiche presenti all’interno della Corsa Rosa, per tutte le 21 tappe in programma. Come la maggior parte degli appassionati sa, il Giro, così come il Tour de France e la Vuelta a España, è una corsa dentro la corsa, ricca di tattiche, strategie e sotterfugi. Andiamo a scoprire su che base si assegneranno la Maglia Azzurra, la Maglia Ciclamino e le ben più facili (in termini di regolamento, sia chiaro) Maglia Rosa e Maglia Bianca.

Abbuoni Giro d’Italia 2022

Gli abbuoni di tempo indicati in quest’articolo sono validi ai soli fini della classifica generale individuale. Agli arrivi di ciascuna tappa in linea (le crono dunque non porteranno abbuoni), al primo arrivato sarà assegnato un abbuono di 10″, al secondo di 6″ e al terzo di 4″. Nei seguenti traguardi intermedi (il secondo di ogni tappa) al primo classificato sarà assegnato un abbuono di 3″, al secondo di 2″ e al terzo di 1″:

TAPPA TRAGUARDO VOLANTE KM
1 Esztergom 167.50
3 Badacsony 147.80
4 Biancavilla 148.10
5 Villafranca Tirrena 136.70
6 Guardia Piemontese Marina 147.70
7 Potenza Centro 189.00
8 Bacoli 115.70
9 Roccamorice 177.50
10 Filottrano 153.60
11 San Giovanni in Persiceto 126.70
12 Ferrada 134.90
13 San Michele di Mondovì 112.00
14 Parco del Nobile 142.50
15 Cogne centro 173.80
16 Teglio 172.00
17 Caldonazzo 149.90
18 Susegana 116.70
19 Cividale del Friuli 168.40
20 Malga Ciapela 162.50

Tempo Massimo Giro d’Italia 2022

Al fine di determinare il tempo massimo di percorrenza, le tappe sono state suddivise in cinque categorie, con riguardo alla diversa natura del percorso:
• categoria a: tappe senza particolari difficoltà
• categoria b: tappe di bassa difficoltà
• categoria c: tappe di media difficoltà
• categoria d: tappe di alta difficoltà
• categoria e: tappe a cronometro individuale

Conseguentemente il tempo massimo è stato così fissato:
• Categoria a: 
il tempo del vincitore è aumentato:
• del 7% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 40 km/h
• del 8% se la media è compresa tra 40 e 45 km/h
• del 10% se la media è superiore ai 45 km/h
• Categoria b: 
il tempo del vincitore è aumentato:
• del 9% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 37 km/h
• del 10% se la media è compresa tra 37 e 41 km/h
• del 11% se la media è superiore ai 41 km/h
• Categoria c:
il tempo del vincitore è aumentato:
• del 11% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 35 km/h
• del 12% se la media è compresa tra 35 e 39 km/h
• del 13% se la media è oltre 39 km/h
• Categoria d:
il tempo del vincitore è aumentato:
• per tappe di lunghezza maggiore di 150 km:
• del 16% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 30 km/h
• del 17% se la media è compresa tra 30 e 34 km/h
• del 18% se la media è oltre 34 km/h
• per tappe di lunghezza minore o uguale a 150 km:
• del 19% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 30 km/h
• del 21% se la media è compresa tra 30 e 34 km/h
• del 22% se la media è oltre 34 km/h
• Categoria e:
il tempo del vincitore è aumentato del 30%

Secondo l’art.2.6.032 UCI il Collegio dei Commissari, sentito il parere del Direttore di Organizzazione, in considerazione di condizioni ritenute eccezionali, di comprovati infortuni o incidenti, può riammettere in gara Corridori giunti fuori tempo massimo aumentando lo stesso fino ad un massimo del 25% di quello stabilito dal presente articolo, previo l’azzeramento di tutti i punti  acquisiti in ogni classifica.
Il tempo massimo, calcolato sulla base del tempo del vincitore espresso al minuto secondo, deve essere calcolato al minuto primo superiore.
Pertanto, le tappe del 103° Giro d’Italia sono state così
classificate:
categoria a): 1a – 3a – 11a – 18a
categoria b): 5a – 6a – 8a – 13a
categoria c): 10a – 12a
categoria d): 4a – 7a – 9a – 14a – 15a – 16a – 17a – 19a – 20a
categoria e): 2a –  21a

Classifiche Giro d’Italia 2022

Le graduatorie dei concorrenti e delle squadre sono determinate da due tipi di classifiche: a tempi e a punti.

Classifiche a tempi

La classifica generale individuale è ottenuta per somma dei tempi attribuiti a ogni concorrente, calcolati gli abbuoni e le eventuali penalizzazioni (art. 2.6.014). In caso di parità di tempo nella classifica generale, la prima discriminante è data dai centesimi registrati nelle tappe a cronometro individuali, la seconda è data dalla minor somma dei piazzamenti ottenuti in ciascuna tappa e in ultima analisi dal miglior piazzamento nell’ultima tappa disputata (art. 2.6.015).

Ai Corridori nati dal il 1° gennaio 1997 sarà riservata la classifica individuale a tempi Giovani.

La classifica a squadre si effettua per somma dei tre migliori tempi registrati dai Corridori di ciascuna squadra. In caso di parità di tempo, per la discriminante si farà riferimento alla minor somma dei piazzamenti dei primi tre migliori tempi registrati dai Corridori di ciascuna squadra all’arrivo di tappa. In caso di ulteriore parità, le squadre sono discriminate dalla posizione del loro miglior Corridore nella classifica di tappa. La classifica generale finale è stabilita dalla somma dei tempi registrati nella classifica giornaliera da ciascuna squadra. In caso di parità, per la discriminante si fa riferimento al numero delle prime piazze nelle classifiche a squadre di giornata. In caso di ulteriore parità il numero delle seconde piazze nelle classifiche a squadre di giornata e così di seguito. In caso di ulteriore parità la discriminate è data dal piazzamento del loro miglior Corridore nella classifica generale individuale (art. 2.6.016). Tutte le squadre rimaste in gara con meno di tre Corridori saranno escluse dalla classifica generale a squadre.

Classifiche a punti

Le classifiche a punti sono compilate sommando i punti assegnati nei rispettivi traguardi.
Per la classifica generale finale Individuale a Punti, in caso di parità, per la discriminante si fa riferimento al numero di vittorie di tappa. In caso di ulteriore parità si terrà conto del numero delle vittorie ottenute nei traguardi volanti. Nell’eventualità di ulteriore parità si terrà conto della classifica individuale generale a tempi (art. 2.6.017).

Per la classifica generale finale del Gran Premio della Montagna, in caso di parità, per la discriminante si fa riferimento all’eventuale primo posto sulla Cima Coppi, e in secondo luogo al numero dei primi posti ottenuti nei GPM di prima categoria. In caso di ulteriore parità si terrà conto delle vittorie ottenute nei GPM di seconda categoria e così di seguito. Nell’eventualità di ulteriore parità si terrà conto della classifica individuale generale a tempi. Nelle classifiche finali verranno classificati solo i concorrenti che avranno portato a termine la corsa.

Classifica a Punti – “Maglia Ciclamino” – Segafredo Zanetti

a) all’arrivo di ogni tappa in base all’ordine d’arrivo e secondo la categoria della tappa, saranno assegnati rispettivamente i punti:
categoria a e b: (primi 15 classificati) 50, 35, 25, 18, 14, 12, 10, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1
categoria c: (primi 10 classificati) 25, 18, 12, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1
categoria d e e: (primi 10 classificati) 15, 12, 9, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1
b) per ogni traguardo volante (il primo di ogni tappa) in base all’ordine di passaggio, saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 8 classificati): 12, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1

TAPPA TRAGUARDO VOLANTE KM
2 Székesfehérvár 75.30
3 Nagykanizs 69.10
4 Paternò 136.50
5 Francavilla di Sicilia 55.70
6 Vibo Valentia 40.60
7 Viggiano 126.00
8 Lago Patria 37.40
9 Filetto 103.50
10 Civitanova Marche 99.40
11 Toscanella di Dozza 76.40
12 Borgo Val di Taro 56.90
13 Pieve di Teco 43.70
14 Monumento Fausto Coppi 76.20
15 Pollein 90.20
16 Edolo 112.60
17 Pergine Valsugana 121.80
18 Valdobbiadene 72.90
19 Buja 55.80
20 Cencenighe Agordino 63.50

In caso di arrivo a pari merito il previsto punteggio verrà sommato e quindi diviso tra i Corridori aventi diritto; gli eventuali decimali saranno arrotondati alla cifra intera superiore.
Al termine di ogni tappa verrà compilata una classifica che terrà conto della somma dei punti conquistati all’arrivo della tappa e nei traguardi volanti.

Gran Premio della Montagna “Maglia Azzurra” – Banca Mediolanum

Per la classifica di “miglior scalatore” saranno assegnati ai Corridori, secondo l’ordine di passaggio al termine delle salite, punteggi differenziati che, tenendo conto delle specifiche difficoltà, sono state suddivise in cinque categorie:

COPPI CAT 2ª CAT 3ª CAT 4ª CAT
50 40 18 9 3
30 18 8 4 2
20 12 6 2 1
14 9 4 1
10 6 2
6 4 1
4 2
2 1
1

CIMA COPPI
Passo Pordoi (20)

GPM DI 1ª CATEGORIA (14)
Etna (Rif. Sapienza) (4), Monte Sirino (7), Passo Lanciano, Blockhaus (9), Pila-Les Fleurs, Verrogne (15), Goletto di Cadino, Passo del Mortirolo, Valico di Santa Cristina (16), Passo del Vetriolo, Monterovere (17), Kolovrat (19), Passo San Pellegrino, Passo Fedaia (20)

GPM DI 2ª CATEGORIA (10)
Portella Mandrazzi (5), Montagna Grande di Viggiano (7), Rionero Sannitico, Roccaraso (9), Superga (Bric del Duca), Colle della Maddalena, Superga (Bric del Duca), Colle della Maddalena (14), Cogne (15), Santuario di Castelmonte (19)

GPM DI 3ª CATEGORIA (11)
Passo Colla, La Sellata (7), Valico di Macerone (9), Passo del Bocco, La Colletta (Colle Boasi), Valico di Trensasco (12), Colle di Nava (13), Il Pilonetto (14), Giovo (17), Villanova Grotte, Passo di Tanamea (19)

GPM DI 4ª CATEGORIA (11)
Visegrád (Castle) (1), Budapest (2), Tihany (3), Aeroporto L. Razza (6), Monte di Procida (8), Crosette di Montecosaro, Recanati, Monsano (10), Le Scale di Primolano, Muro di Ca’ del Poggio (18), Torricella Massimiliana (21)

Al termine di ogni tappa verrà compilata una classifica che terrà conto della somma dei punti conquistati in ogni GPM. Il punteggio conseguito da ciascun corridore sarà sommato di giorno in giorno determinando una classifica generale. Il corridore primo classificato avrà il diritto dovere di indossare una “Maglia Azzurra” fornita dalla Direzione del Giro.

Traguardi Volanti

È istituita una speciale classifica dei Traguardi Volanti con due traguardi intermedi in ogni tappa a eccezione delle cronometro individuali. A ogni traguardo verranno assegnati punti dal 1° al 5° classificato rispettivamente: 10, 6, 3, 2, 1. Al termine di ogni tappa verrà compilata una classifica che terrà conto della somma dei punti conquistati in ogni Traguardo Volante. La classifica generale è fatta per somma di punti assegnati a ciascun concorrente. I traguardi volanti in questione sono quelli elencati nei punti precedenti.

Premio Fuga

Tale premio è destinato al Corridore che, in ciascuna tappa in linea e lungo l’intero arco del Giro d’Italia, interpreti con particolare coraggio e costanza il gesto tecnico della fuga. È considerata “fuga”, ai fini delle graduatorie ufficiali, un’azione di attacco – condotta in solitudine o in gruppo comprendente non più di dieci (10) Corridori – che copra un tragitto non inferiore ai cinque (5) chilometri. La classifica di tappa sarà stilata sulla base dei chilometri di fuga totalizzati nelle condizioni determinate dal precedente comma. Farà fede quanto riportato da Radio Corsa e certificato nei comunicati ufficiali.

In caso di ex-aequo, sarà nominato vincitore di tappa del Premio Fuga il Corridore che, a parità di chilometri di fuga totalizzati, abbia ottenuto il miglior piazzamento nell’ordine di arrivo ufficiale. La classifica generale si baserà sulla somma dei chilometri di fuga totalizzati da ciascun Corridore nel corso del Giro d’Italia. Leader della classifica sarà l’atleta che avrà accumulato il maggior numero di chilometri di fuga.

Premio Fair Play

La Direzione del Giro, ispirandosi al principio della reciproca correttezza nello svolgimento delle manifestazioni sportive, incoraggiato e propagandato dal Panathlon International, ha voluto mettere in evidenza il comportamento dei partecipanti alla corsa, premiando la squadra che per mezzo dei propri componenti dimostrerà di essere stata la più rispettosa dei regolamenti.
Pertanto, le infrazioni previste dai regolamenti di disciplina sono state raggruppate in sette categorie, alle quali sono state attribuite delle penalità.
Le infrazioni sono state così individuate, assieme ai relativi punteggi, assegnati ogni giorno al Gruppo sportivo:

AMMONIZIONE punti 0,5
AMMENDE punti 1 per ogni CHF 20
PENALIZZAZIONE A TEMPO punti 2 per ogni secondo
DECLASSAMENTO (CORRIDORE) punti 100
DECLASSAMENTO (AMMIRAGLIA) punti 100
ESPULSIONE DALLA CORSA
O ESCLUSIIONE DALL’ORDINE D’ARRIVO
punti 1000
POSITIVITÀ AL CONTROLLO ANTI-DOPING punti 2000
Partecipa al Fanta Giro d'Italia e scegli la tua squadra per la 16ª tappa. Montepremi minimo di 500 euro!

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button