© Tim de Waele

Doping, squalifica di un anno per Marco Cecchini

Un anno di squalifica per Marco Cecchini. È questa la sanzione che l’UCI ha inflitto al 21enne italiano che era stato sospeso nello scorso mese di agosto, dopo essere stato trovato positivo al Clostebol, uno steroide anabolizzante derivato dal testosterone. Il controllo che ha portato prima alla sospensione e poi alla squalifica è stato quello successivo alla disputa della prima tappa in linea del Giro d’Italia Under 23 2019 il 14 giugno. Cecchini era in gara nella Corsa rosa dei giovanili con la maglia della Sangemini Trevigiani Mg.Kvis.

Il procedimento seguito alla sospensione del corridore ha portato alla luce il fatto che il pesarese avrebbe utilizzato come prodotto medicale una crema cicatrizzante contenente la sostanza proibita. Questa circostanza attenuante ha  portato l’UCI a non sanzionare il ciclista con il massimo della pena prevista, ovvero quattro anni. Cecchini, che l’anno scorso è stato terzo al Gp Kranj, gara che si disputa in Slovenia, potrà tornare alle corse, quindi, il 14 giugno 2020. Il giovane marchigiano era comunque in predicato di lasciare l’attività agonistica già prima della sospensione.

Quattro anni, invece, di stop per l’uruguaiano Héctor Fabián Aguilar. Il 35enne era stato trovato positivo al Clenbuterolo durante l’ultima edizione della Vuelta a Uruguay, nello scorso mese di aprile. Per lui la squalifica terminerà quindi nella primavera del 2023.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.