Sky, la stagione di Intxausti si conclude con soli 3 giorni di competizione

Beñat Intxausti continua a vivere un vero e proprio calvario. Il corridore basco è limitato dal 2016 dalla mononucleosi, con diverse ricadute, e anche in questo 2017 non è riuscito a compere sui suoi livelli. In realtà il portacolori della Sky non è stato proprio in grado di competere visto che il bilancio finale parla di soli tre giorni di competizione, con il ritiro nella Classica di San Sebastian 2017 e quello odierno al Tour of Guangxi dopo aver concluso ieri all’ultimo posto la prima tappa. Proprio l’ex Movistar ai microfoni di Cycling Weekly: “Non mi sento ancora un ciclista professionista. La mia condizione non è delle migliori e mi viene difficile pensare di essere un professionista”.

Sto meglio rispetto a prima, ma ancora non sto benissimo – aggiunge Intxausti – Sono stato diversi mesi fermo e sono ancora in fase di recupero dal virus.  Sto solo pensando al 2018 e sto lavorando per rientrare al 100%”.

Nonostante gli ultimi due anni siano stati difficili la Sky ha voluto confermargli la fiducia ed ha deciso di rinnovargli il contratto: “Brailsford e la squadra hanno sempre avuto fiducia in me e anche dopo la Cina andrò a Manchester per la prima riunione con la squadra. Saremo tutti insieme e quindi anche io perché faccio parte della squadra. Ovviamente prenderò meno soldi di queste due anni, ma i soldi non sono così importanti”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.