© Sirotti

Milano-Sanremo 2020, squadre World Tour contro riduzione dei corridori: “Una mancanza di rispetto, ci opporremo”

Ai team del World Tour non è andata giù la riduzione del numero di corridori per la Milano-Sanremo. Nella giornata di ieri, contestualmente all’annuncio del nuovo percorso, resosi necessario dopo il parere negativo di alcuni sindaci del savonese, RCS ha annunciato anche la presenza di due ulteriori team e la riduzione delle selezioni per ciascuna squadra da 7 a 6 uomini. I team, però, non sono rimasti molto contenti della novità e in un coro pressoché unanime hanno bocciato la decisione dell’organizzazione e annunciato che faranno di tutto per opporsi a questa decisione.

È evidentemente una cattiva notizia – ha dichiarato il team manager della Cofidis Cedric Vasseur a Rtbf – Sono stato sorpreso quando l’ho saputo alle 19 di ieri con una mail. […] Penso che sia una mancanza di rispetto al ciclismo e alla sua storia. In questo modo il ciclismo non è più considerato uno sport di squadra. È come giocare la finale di Champions con nove uomini”.

Prima ancora di Vasseur, aveva parlato Patrick Lefevere della Deceuninck – QuickStep che sembra non avere alcuna intenzione di accettare passivamente la decisione: “Ci opporremo in maniera collettiva insieme ad altre squadre. È una decisione unilaterale ed egoista che conviene solo alle squadre italiane. […] Siamo già nella merda con questo virus e ora vogliono togliere corridore per poter inserire due squadre italiane. Ma questo non è un problema nostro. Il regolamento vale per tutti, se anche Fiandre, Roubaix, ecc. facessero così, dove andremmo a finire?”.

L’ultimo punto del discorso di Lefevere è quello sui cui insiste anche John Lelangue della Lotto Soudal, che però si mantiene su toni più moderati: “Non entro in una rivoluzione o in una opposizione. Ma sono solidale con Lefevere e gli altri colleghi. La decisione è arrivata un po’ tardi perché può anche creare un precedente per altre prove. […] Posso capire che organizzatori e squadre italiana possano essere interessate a disputare queste corse per avere visibilità. Capisco la decisione ma è tardiva ed è sulla corsa più lunga della stagione, che è la prima corsa all’inizio della stagione. Quindi se la capisco? Sì e no”.

Richard Plugge della Jumbo – Visma invece da Twitter se la prende anche con le istituzioni: “Una decisione ridicola e irresponsabile. Il fatto che questa richiesta sia stata accordata 12 giorni prima del via è governance incomprensibile”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.