© ASO/Pauline Ballet

Tour de France 2019, Thibaut Pinot da padrone sul Tourmalet: “Ora voglio tornare sul podio di Parigi”

Thibaut Pinot ha sbaragliato la concorrenza nella quattordicesima tappa del Tour de France 2019. Chiamato a guadagnare posizioni in classifica dopo il passaggio a vuoto nella tappa di Albi, quando complici i ventagli si è trovato a perdere 1’40” in classifica generale, il capitano della Groupama-FDJ è riuscito a sbloccarsi in questa edizione della Grande Boucle ritrovando così un successo che sulle strade di casa gli mancava dal 2015, anno in cui si aggiudicò l’arrivo in quota all’Alpe d’Huez. Trascinato da un David Gaudu in giornata di grazia sull’ascesa conclusiva, il vincitore dell’ultimo Lombardia ha dominato lo sprint ristretto che ha deciso l’arrivo in quota sul Tourmalet, incamerando una vittoria che gli permette di risalire in classifica al sesto posto con un ritardo di 3’12” dal connazionale Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step).

Per Pinot, scalatore che in carriera si è imposto in tutte e tre le grandi corse a tappe, la conferma di essere uno degli uomini più in forma in salita e di poter ambire a tornare sul podio di Parigi, dal quale manca dal 2014: “La nostra tattica era pianificata e questo è il motivo per cui abbiamo messo i nostri cronoman a fare l’andatura per evitare che la fuga guadagnasse un margine superiore ai tre minuti. Quello che non ci attendevamo era il forcing della Movistar sul Col du Soulor e quello che è successo dopo. L’attacco di Gaudu era preventivato, avevo una gran voglia di vincere. Ho raggiunto quello che volevo e il mio prossimo obiettivo è quello di finire nuovamente tra i primi tre a Parigi”.

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.