Giro d’Italia 2021, Presentazione Percorso e Favoriti Nona Tappa: Castel di Sangro – Campo Felice (Rocca di Cambio) (158 km)

Tappone appenninico per la nona frazione del Giro d’Italia 2021. Il primo fine settimana di gara si concluderà con una giornata che presenterà un chilometraggio non particolarmente elevato, 158 chilometri da Castel di Sangro a Campo Felice, ma che proporrà ben quattro GPM (compreso l’arrivo in salita) e diverse altre ascese non repertoriate, per un totale di più di 3400 metri di dislivello. Un tracciato che non permetterà distrazioni e che dovrebbe vedere nuovamente lo scontro diretto tra gli uomini di classifica, per una tappa che potrebbe rivelarsi decisiva nell’economia della corsa. Come già accaduto in altre giornate, tuttavia, potrebbero essere i fuggitivi a giocarsi il successo sul traguardo, al quale si giungerà dopo 1600 metri finali completamente in sterrato.

ORARIO DI PARTENZA: 12:15
ORARIO DI ARRIVO (PREVISTO): 16:39-17:14
DIRETTA TV E STREAMING: 12:25-14:00 RaiSport/14:00-17:15 Rai2 / 12:10-17:30 Eurosport 1/12:05-17:35 Eurosport Player, Discovery+ / 11:45-18:00 GCN
HASHTAG UFFICIALE: #Giro

Percorso Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Partiti da Castel di Sangro, i corridori inizieranno subito a salire per una dozzina di chilometri verso il Colle della Croce, ascesa non repertoriata sulla quale presumibilmente si assisterà ai primi attacchi per tentare di portar via la fuga di giornata. Dopo la discesa e un breve tratto di pianura, il gruppo incontrerà il primo GPM ufficiale della tappa, il Passo Godi (2a cat, 13,9 km al 4,1%), che arriverà a toccare i 1556 metri sul livello del mare prima di iniziare la discesa verso Anversa degli Abruzzi. Qui, si tornerà nuovamente a salire per circa dodici chilometri verso Fonte Ciarlotto, altra salita che non presenterà un GPM in cima, con lo scollinamento posto a 81 chilometri dall’arrivo.

Raggiunta la località Castel di Ieri e superata ormai la metà tappa, il plotone affronterà il secondo GPM di giornata, Forca Caruso (3a cat, 12,7 km al 4,5%), poi, appena terminata discesa, la salita di Ovindoli (2a cat, 12,4 km al 5,1%), che porterà i corridori a transitare anche dal traguardo volante di Celano. Il GPM, però, non vedrà la strada scendere in maniera netta, ma immetterà nella Piana delle Rocche, dove per una dozzina di chilometri il tracciato concederà un po’ di respiro al gruppo.

Passato il cartello dei dieci chilometri all’arrivo, tuttavia, si ricomincerà nuovamente a salire, prima verso Rocca di Cambio (dove sarà posto il secondo sprint intermedio), poi, dopo una rapida discesa, verso Campo Felice, asperità di 6600 metri che presenterà una pendenza media del 5,8%. Il tratto più duro, tuttavia, si incontrerà passata una lunga galleria posta tra i meno tre e i meno due dalla conclusione, dopo la quale inizieranno i 1600 metri finali interamente su sterrato, con pendenze che raggiungeranno anche punte del 14%.

Salite Nona Tappa Giro d’Italia 2021

NOME CAT QUOTA GPM INIZIO LUNGH DISL % MED % MAX
Passo Godi 2 1556 35,6 21,7 13,9 574 4,1% 11%
Forca Caruso 3 1107 102,1 89,4 12,7 576 4,5% 10%
Ovindoli 2 1457 135 122,6 12,4 627 5,1% 10%
Campo Felice 1 1655 158 151,4 6,6 381 5,8% 14%

Favoriti Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Assisteremo finalmente alla prima vittoria di tappa di questa edizione da parte di un big della classifica generale, o sarà ancora un fuggitivo a trionfare? Se saranno i favoriti alla Maglia Rosa a giocarsi il successo, uno dei nomi da tenere d’occhio è sicuramente quello di Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep). Il lungo stop conseguente alla caduta al Lombardia non sembra aver influito sul talento del giovane belga, che in queste prime giornate del Giro ha mostrato un’ottima gamba, tanto da essere il migliore dei big in classifica generale. In un finale come questo ci saranno buone possibilità di vederlo all’attacco e, magari, in Maglia Rosa alla fine della tappa.

Egan Bernal (Ineos Grenadiers) ha però altresì mostrato un’ottima condizione, e può contare su uno squadrone che, nonostante l’addio di Sivakov, può ben supportarlo in qualsiasi frangente di gara. Il vincitore del Tour de France 2019 non è venuto in Italia per fare una vacanza, e l’ha dimostrato nella sesta frazione attaccando ben due volte nella salita finale. Buone, dunque, le probabilità di vederlo nuovamente protagonista. Si è invece un po’ nascosto, finora, Hugh Carthy (EF Education-Nippo), che comunque in classifica generale non è lontano dai due corridori sopracitati. Anche lui, comunque, in salita ha mostrato di esserci, e se vorrà sperare di ripetere (o migliorare) il piazzamento dell’ultima Vuelta a España dovrà farsi trovare pronto in questo finale.

Altri due corridori che finora hanno risposto presente sono stati Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), che sulle strade di casa vorrà provare a cogliere un importante successo, e Daniel Martin (Israel Start-Up Nation), che ha le qualità per poter fare la differenza sulla salita conclusiva. Tra coloro che, invece, hanno maggiormente deluso (se così possiamo dire, visto comunque il buon piazzamento in classifica) fino a questo momento c’è Simon Yates (Team BikeExchange), che dovrà provare a battere un colpo per dimostrare di essere della partita.

Tra gli uomini di classifica che hanno mostrato una buona condizione in questa prima, segnaliamo per il possibile successo di questa frazione Aleksandr Vlasov (Astana-Premier Tech), Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Marc Soler (Movistar) e un positivo Romain Bardet (Team DSM), designato come capitano del team tedesco dopo le deludenti prestazioni del compagno di squadra Jai Hindley. Attenzione comunque anche a corridori come Davide Formolo (UAE Team Emirates), Emanuel Buchmann (Bora-hansgrohe), Pello Bilbao (Bahrain Victorious), il giovane Tobias Foss (Jumbo-Visma) e Daniel Felipe Martinez (Ineos Grenadiers), che potrebbe fare gioco di squadra con Bernal per la vittoria di tappa.

Come detto, però, finora sono stati i fuggitivi a trionfare in questo tipo di giornate, dunque non si può sicuramente escludere che lo stesso scenario possa ripetersi anche in questa occasione. Tra i tanti nomi che si possono fare per questa circostanza spicca quello di Bauke Mollema (Trek-Segafredo), andato già all’attacco nella sesta frazione, stessa giornata nella quale ha vinto Gino Mäder (Bahrain Victorious), che dunque non può non essere preso in considerazione per questa tappa. All’attacco potrebbe andare anche Felix Großschartner (Bora-hansgrohe), uscito di classifica nelle prime giornate e, quindi, ritenuto non un pericolo dal plotone in caso di fuga, e potrebbero cercare di anticipare il gruppo anche Ruben Guerreiro e Jonathan Caicedo (EF Education-Nippo), magari in previsione di un attacco del loro capitano Carthy.

Saranno comunque tanti i corridoi che proveranno ad andare all’attacco per tentare di aggiudicarsi una delle tappe più importanti di questa prima settimana di Giro. Tra i molti nomi che si possono fare, possiamo citare Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Dario Cataldo e Einer Rubio (Movistar), Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo), Matteo Fabbro (Bora-hansgrohe), Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), Jan Hirt e Rein Taaramae (Intermarché-Wanty-Gobert), Simon Pellaud (Androni-Sidermec), Filippo Fiorelli (Bardiani-CSF-Faizané), Nicolas Edet (Cofidis) e Koen Bouwman (Jumbo-Visma).

Borsino dei Favoriti Nona Tappa Giro d’Italia 2021

***** Remco Evenepoel
**** Egan Bernal, Hugh Carthy
*** Simon Yates, Giulio Ciccone, Dan Martin
** Aleksandr Vlasov, Damiano Caruso, Marc Soler, Romain Bardet
* Davide Formolo, Daniel Martinez, Bauke Mollema, Gino Mäder, Felix Großschartner

I ciclisti più popolari su Zweeler Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Per avere dei parametri su cui basare le vostre scelte per il fantaciclismo o per altri giochi, vi proponiamo uno schema con i corridori selezionati dalla maggior parte degli utenti iscritti a Zweeler per la quinta tappa del Giro d’Italia 2021. Chi tra i nostri favoriti ha goduto di una maggiore fiducia dagli appassionati? Da qualche outsider si attende un risultato a sorpresa? Tra i corridori che non abbiamo accreditato del ruolo dei favoriti, qualcuno ha invece suscitato l’interesse degli appassionati? Potete anche provare a sfidare le centinaia di partecipanti da tutto il mondo che partecipano al popolare gioco.

Partecipare costa 5,00 € per squadra e comincerà con un montepremi minimo di 600,00 €. Il premio per il vincitore sarà di 108,54 €.

Meteo Previsto Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Nuvoloso. Precipitazioni 20%. Umidità 64%. Vento fino a 16 km/h direzione ENE. Temperatura minima 7°C, massima 15°C.

Maggiori insidie Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Tutta la giornata si presenta insidiosa, con il gruppo che dovrà affrontare un saliscendi continuo sin dalla partenza, con poche possibilità per respirare. Le salite non proporranno pendenze impegnative, tuttavia rimarranno sicuramente nelle gambe dei corridori, che dovranno prestare attenzione anche alle discese, in alcuni tratti impegnative. Il finale con lo sterrato e con le pendenze esigenti, poi, potrebbe impedire a certi tipi di scalatori di alzarsi sui pedali, agevolando quei corridori che preferiscono salire da seduti.

Altimetria e Planimetria Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Cronotabella Nona Tappa Giro d’Italia 2021

Giro d'Italia 2021 Tappa 9 Cronotabella
pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.