Vuelta a San Juan 2020, l’Amore & Vita-Prodir è pronta: “Siamo elettrizzati”

L’Amore & Vita-Prodir ha ufficializzato i componenti della sua formazione per la Vuelta a San Juan 2020. La corsa che scatterà domenica 26 gennaio in Argentina vedrà in sella con la maglia rosazzurra, Davide Appollonio, Marco Tizza, Riccardo Marchesini (al suo debutto tra i professionisti), Antonio Zullo (al suo ritorno in gruppo dopo il grave infortunio che lo ha tenuto fermo l’intera stagione 2019), Viesturs Luksevics e Maris Bogdanovics. Appollonio e Bogdanovics saranno i leader per le volate e tenteranno di contrastare corridori di calibro mondiale come Peter Sagan e Fernando Gaviria, mentre Tizza cercherà di migliorare il proprio stato di forma in vista del Trofeo Laigueglia. Sarà l’esperto scalatore lettone, Viesturs Luksevics, a curare la classifica generale.

Per la squadra italiana, che nella gara a tappe sudamericane sarà guidata dai ds Vladymyr Starchyk e Marco Zamparella, si tratta di uno degli appuntamenti più importanti della prima parte di calendario. Appuntamento che peraltro è anche denso di significati: “Siamo elettrizzati di partecipare a una corsa di questo livello, che rappresenta senza dubbio uno degli principali obiettivi di inizio stagione. E poi l’Argentina è un po’ come fosse la nostra seconda patria – racconta Cristian Fanini – Una parte della nostra famiglia infatti vive qui da oltre 70 anni e cioè, da quando il nostro compianto zio Ivano, fratello di mio nonno Lorenzo, fondatore dei teams Fanini, si trasferì dall’Italia a Mendoza per produrre e vendere vino”.

La storia dei Fanini si intreccia a doppio filo con quella del ciclismo argentino: “Mio padre Ivano ci andò in viaggio di nozze nel 1976 e, con mia madre, passarono tutta la luna di miele al seguito delle Vuelta Mendoza, che a quel tempo era la corsa principale di tutto il Sudamerica. Ed alla fine della corsa ritornò in Italia portandosi dietro il primo e il secondo della classifica generale per farli correre nelle nostre squadre. Da quel momento in poi cominciò a lavorare per lo sviluppo del ciclismo argentino e ogni anno la nostra squadra tornava sempre a correre la Vuelta Mendoza”.

La Vuelta a San Juan ha quindi una valenza “sentimentale” per l’Amore&Vita-Prodir, nelle cui fila in passato ha corso anche Gabriel Curuchet, ora presidente della Federazione ciclistica argentina: “Sarebbe proprio bello oltre che significativo se riuscissimo a cogliere qualche bella soddisfazione – le parole di Cristian Fanini –  Sarebbero risultati che vorremmo dedicare alla memoria sia di Ivano ‘l’argentino’, che è stato il primo Fanini della storia ad aver vinto una corsa in bicicletta, che a quella di mio zio Michele, scomparso il 4 novembre scorso”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.