© Sirotti

Ciclomercato, l’oro olimpico della MTB Miguel Martinez, a 44 anni, correrà su strada con l’Amore&Vita Prodir

44 anni e non sentirli. Miguel Martinez, uno che ha fatto la storia della mountain bike, ha deciso di tornare a correre su strada. Già, tornare, perché il transalpino, oro olimpico a Sydney 2000 e campione del mondo nello stesso anno, su strada ci aveva già corso, fra il 2002 e 2003 con Mapei e Phonak, e nel 2008 con l’Amore&Vita. Ed è proprio quest’ultima, a 12 anni di distanza dall’ultima gara, a ridare a Martinez la possibilità di correre sull’asfalto. Il legame fra il corridore e la squadra di matrice lettone ma di anima italiana non è ancora ufficiale, ma il campione delle ruote grasse ne parla già con grande entusiasmo.

“L’idea mi è venuta durante il periodo del confinamento. Facevo delle consegne alle persone che avevano bisogno e lo facevo in bicicletta – racconta Martinez a DirectVelo – Così, mi è venuta l’idea di tornare a correre in strada, per avere un’ultima possibilità. Dall’11 maggio sto facendo tantissimi chilometri e mi sto impegnando al 100 per cento. È un’ultima sfida, alcuni dicono che è un suicidio, ma io non ho paura”.

Martinez, come detto, conosce già l’ambiente Amore&Vita: “Ci ho corso nel 2008 e ho anche vinto una corsa, una tappa al Tour de Beauce. Poi, nel 2009, avrei dovuto passare all’Agritubel, ma la cosa non si è concretizzata e così ho finito per interrompere la mia carriera su strada”. Adesso il francese, che negli ultimi anni correva con le mtb elettriche e che ha vinto anche un Mondiale U23 di ciclocross, ci riprova: “Dopo due mesi vedrò dove sarò. Se farò troppa fatica, potrei smettere. Forse sono troppo ambizioso, ma la squadra mi sta dando una bella possibilità”.

Il calendario è già definito, almeno per quel che riguarda l’avvio della nuova avventura: “Dovrei partecipare al Sibiu Tour 2020 e al Giro del Portogallo 2020. Certo, passare dalla mtb alla bici da strada non è facile. Cambia la posizione e il corpo deve trasformarsi, l’alimentazione è diversa… Ma ho già fatto progressi. Con quali ambizioni? Non sto cercando risultati, la cosa più importante sarà correre e poi vedremo. Non mi illudo. Ho 44 anni, anche se mentalmente sono un fiore”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seconda Tappa Parigi - Nizza 2021 LIVEAccedi
+ +