(c) Tim de Waele

Alpecin-Fenix, Guillaume Van Keirsbulck: “Ad aprile pensavo la mia carriera fosse finita”

Guillaume Van Keirsbulck ammette di aver creduto che la sua carriera fosse già terminata. Il corridore belga, infatti, dopo la chiusura della CCC a fine 2020 è rimasto a lungo senza contratto in questo 2021, trovando posto solo il 30 aprile nella formazione di sviluppo della Alpecin-Fenix. Il classe ’91 si è ben comportato ed è riuscito a ottenere un contratto con la prima squadra (con la quale aveva comunque già potuto correre in più di un’occasione) per il prossimo anno, ma non ha nascosto di aver passato dei momenti in cui ha temuto di essere costretto a chiudere la sua carriera.

Prima di unirmi alla Alpecin lo scorso aprile, pensavo fosse finita per me – ha esordito – I fratelli Roodhoft hanno rilanciato la mia carriera e io sono loro estremamente riconoscente. Mi hanno dato un’occasione e io l’ho colta a piene mani. Non voglio più trovarmi in questa situazione e questo mi dà una motivazione in più per il prosieguo della mia carriera. Ho ritrovato la mia condizione man mano che la stagione andava avanti e sono contento di aver raggiunto questo stato di forma. Mi motiva in vista della primavera. Il mio obiettivo sarà aiutare i capitani nelle Classiche”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *