© ASO

Ineos Grenadiers, Geraint Thomas: “Non sono diventato improvvisamente un corridore di merda”

Geraint Thomas cerca una svolta nel 2022. Dopo un’annata sfortunata e segnata dalle cadute, il corridore gallese spera che il prossimo anno la fortuna possa girare dalla sua parte e l’ha spiegato in una lunga intervista ai microfoni di Cyclingweekly. Dopo aver parlato a lungo del successo dei suoi due podcast (uno dei quali insieme al compagno Luke Rowe), che spesso regala anche titoli a giornali e siti specializzati, come nel caso dell’ospitata di Tadej Pogacar qualche giorno fa, il portacolori della Ineos Grenadiers ha tracciato un bilancio dell’anno appena concluso e si è soffermato sugli obiettivi del prossimo anno.

“Quest’anno sentivo di aver avuto il mio miglior avvicinamento al Tour e questo mi dava fiducia – ha esordito –  Poi ovviamente la caduta è stata negativa per la testa e per il morale. Ma devo ricordarmi che è stata una delle mie migliori stagioni fino all’inizio del Tour quest’anno. Quindi non è che all’improvviso sono diventato un corridore di merda. Devo restare positivo e continuare a lavorare duro e fare ciò che faccio. Alla fine mi restano forse due o tre anni e voglio godermeli. Il miglior modo per farlo è essere davanti e lottare per le vittorie. Questa è l’idea”.

In attesa di un rinnovo di contratto difficile, ma ormai quasi certo, il vincitore del Tour 2018 ha iniziato a pensare ai suoi prossimi obiettivi: “Non so ancora a cosa punterò. Prima risolviamo la questione del contratto e possiamo sederci a pianificare. Al momento vorrei vincere qualche corsa, non importa quale, e poi essere competitivo in quelle più importanti. Le Ardenne o il pavé sono alcune delle cose che potrei puntare, non mi dispiacerebbe fare qualcosa di leggermente diverso dal solito. Anche se rifacessi il Tour, penso che l’avvicinamento potrebbe essere diverso. Giusto per cambiare un po’ le cose, ogni anno ho fatto più o meno lo stesso programma per la maggior parte della mia carriera, quindi sarebbe bello cambiare un po’”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *