© Marco Alpozzi - LaPresse

UAE Team Emirates, Tadej Pogacar spiega a Geraint Thomas come batterlo: “Non è così complicato, posso crollare rapidamente”

Tadej Pogacar spiega la ricetta per batterlo. Il corridore della UAE Team Emirates è stato ospite al podcast di Geraint Thomas, dunque uno dei suoi possibili rivali in gara, e ha rivelato i suoi punti deboli. Lo sloveno ha spiegato innanzitutto che i rivali non devono avere paura di lui, anche dopo una stagione in cui ha vinto due monumento e un GT, perché anche lui come loro può crollare rapidamente. In particolare, il due volte vincitore del Tour de France ha sottolineato le sue difficoltà quando ci sono lunghe salite ad alta quota e quando ha un team inferiore ai rivali.

Di certo gli altri non dovrebbero avere paura di me – ha spiegato al collega gallese – Questa è la prima cosa perché, in realtà, posso crollare molto velocemente. Vado bene sulle salite non troppo lunghe, ma a volte quelle lunghe sono peggiori per me, soprattutto in alta quota, penso che questo l’abbiano già capito. Di sicuro, poi, se dovessi avere una squadra non troppo forte, gli attacchi dalla lunga distanza ci renderebbero le cose più complicate. Essere aggressivi da lontano, con vari corridori, ad esempio  la Ineos che ha molti capitani. Loro possono provare varie cose e in vari modi. Penso ci siano varie cose che possano farmi crollare, o far crollare chiunque altro. Non è così complicato”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Pogacar è molto sportivo! 😀
    Oddio, con una squadra inferiore ai rivali nel 2020 ha vinto lo stesso il Tour, e poi adesso la UAE si sta molto rafforzando… Comunque vedremo (qui si tifa Roglic)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *