© Tour du Limousin / Zoe Soullard

Astana Qazaqstan, arrivano Alexandr Riabushenko, Simone Velasco e Michele Gazzoli

Alexandr Riabushenko, Simone Velasco e Michele Gazzoli approdano Astana Qazaqstan. Riunitasi in questi giorni a Montecatini Terme per un primo ritiro in vista della nuova stagione, la formazione kazaka ufficializza oggi tre importanti ingaggi per una squadra che sta compiendo grandi cambiamenti nel suo organico. Per tutti e tre è arrivata la firma di un contratto biennale, che li legherà dunque alla squadra di Alexandre Vinokourov e Giuseppe Martinelli sino al termine del 2023. Si tratta di rinforzi importanti, che possono rivelarsi preziosi soprattutto nelle corse di un giorno, ma che possono mettersi al servizio dei capitani nelle corse a tappe, cercando magari il successo parziale in alcune frazioni.

“Dopo quattro anni in una squadra sento che è il momento di cambiare, di fare un nuovo passo verso la mia crescita come ciclista – spiega il bielorusso – Posso dire che mi piace molto la Astana e tifavo per questa squadra da quando ero junior. È una grande squadra e ho visto molti campioni correre per questa squadra e ottenere molti grandi successi con questi colori. È un piacere e un onore per me unirmi a questa squadra e diventare parte della sua storia. Sono pronto per qualsiasi calendario e qualsiasi gara nella prossima stagione, voglio solo essere utile alla squadra, cercando di aiutare i leader a raggiungere i loro più grandi obiettivi. Naturalmente, mi piacerebbe avere la possibilità di correre per un risultato personale e spero che arrivi nelle gare di un giorno, per esempio, perché mi piacciono molto. Ma sarebbe anche bello fare il Giro o il Tour, dato che la mia unica esperienza di Grand Tour è stata La Vuelta nel 2020. Non vedo l’ora di iniziare la nuova stagione”.

Anche il 25enne ex Gazprom – Rusvelo commenta con entusiasmo il suo passaggio, nel quale cercare di migliorare il suo palmarès che conta il Trofeo Laigueglia (2019), una tappa alla Settimana Internazionale Coppi e Bartali (2019) e una tappa al Tour du Limousin (2021): “Per ogni corridore che diventa professionista il sogno più grande è di entrare in una squadra WorldTour, per raggiungere il livello più alto del ciclismo. Per me la Astana è la soluzione migliore, la migliore squadra a cui potrei unirmi. È un onore per me raggiungere grandi corridori in questa squadra e allo stesso tempo lavorare per loro e aiutarli a raggiungere gli obiettivi. Spero di essere in grado di fare un altro passo avanti nella mia carriera e spero anche di avere la possibilità di mostrare tutte le mie capacità, lavorando duramente per la squadra. Naturalmente, mi piacerebbe anche trovare la mia occasione in qualsiasi gara che mi si addice e dove la squadra avrebbe fiducia in me.

Il 22enne neoprofessionista arriva a sua volta con un biglietto da visita incentrato sulle corse di un giorno, con un bel quarto posto ai Mondiali nelle Fiandre e la vittoria al GP Liberazione come momenti clou della sua stagione: “Sono entusiasta della possibilità di correre fianco a fianco con grandi campioni come Vincenzo Nibali e Gianni Moscon. So che il mio primo anno nel WorldTour sarà difficile, devo imparare molto e acquisire esperienza, ma sono pronto per questa sfida. Il mio obiettivo principale per il prossimo anno è quello di imparare il più possibile e di aiutare la squadra nel miglior modo possibile. Sogno di partecipare al Giro d’Italia e spero di farlo un giorno, ma attualmente penso solo iniziare la stagione e continuare a lavorare giorno per giorno”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *