LINK UTILI GIRO D'ITALIA 2021
GUIDASTARTLISTNOTIZIERISULTATICLASSIFICA

Doping, la WADA apre un’inchiesta sull’agenzia britannica anti-doping per aver permesso alla federazione di gestire i test

L’UKAD è ufficialmente sotto investigazione. La decisione è stata presa dalla WADA dopo aver scoperto che l’agenzia anti-doping britannica aveva consentito alla federazione britannica di svolgere per conto suo le indagini anti-doping alla vigilia delle Olimpiadi di Londra del 2012. La decisione era stata presa, spiega il Mail on Sunday, dopo che un corridore di alto livello il cui nome è ignoto era risultato positivo al nandrolone alla fine del 2010. All’epoca questa decisione non era stata resa pubblica e la stessa UKAD ammette di non avere i dati sui test successivi al via libera di uno dei suoi dirigenti alla federazione.

 

La Wada ha dunque deciso di aprire un’indagine formale nei confronti dell’UKAD per due motivi: il primo è che i test anti-doping non possono essere svolti da un organo governativo dello sport, ma solo dall’UKAD, e il secondo è che questi test sono stati svolti in un laboratorio non WADA e l’UKAD non ne ha mai avuto i risultati. A proposito del comportamento dei principali responsabili dell’epoca, vale a dire Dave Brailsford (attuale team manager del team Ineos Grenadiers e all’epoca dei fatti direttore della performance per la federazione), il capo medico Steve Peters, il dottor Richard Freeman, già condannato per aver ordinato testosterone sapendo che sarebbe stato somministrato a un corridore e il capo tecnico Shane Sutton, che secondo Freeman  era invece il destinatario del testosterone, la federazione britannica è stata interrogata dal Mail on Sunday, ma ha risposto che nessuno dei coinvolti lavora più per la federazione e che questo rende difficile trovare le informazione giuste, soprattutto perché si parla ormai di dieci anni fa.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.