Operazione Aderlass, la Bahrain-Merida sospende provvisoriamente Koren e Bozic

Il Team Bahrain Merida sospende Kristijan KorenBorut Božič in seguito al coinvolgimento nell’Operazione Aderlass. Arriva a stretto giro di posta l’inevitabile reazione della formazione emiratina dopo la sospensione dall’UCI per violazione del regolamento anti-doping per lo scandalo scoppiato, almeno in ambito ciclistico, in Austria. La squadra ha fermato il 32enne corridore sloveno, prelevato nel 2017 dalla Cannondale-Drapac e attualmente impegnato al Giro d’Italia 2019 in supporto a Vincenzo Nibali, e il direttore sportivo ritiratosi dall’attività al termine della stagione scorsa e che all’epoca dei fatti contestati (periodo 2012-2013) difendeva i colori dell’Astana. A seguire la nota diffusa dal team emiratino.

“Oggi siamo stati informati dall’UCI della potenziale violazione del regolamento antidoping da parte di due membri del nostro team, il corridore Kristijan Koren e il direttore sportivo Borut Božič. Le presunte violazioni riguardano le stagioni 2012 e 2013. Il team sostiene rigorosamente la politica di doping a tolleranza zero e ha pertanto sospeso provvisoriamente entrambi i membri interessati. Vorremmo sottolineare che entrambi i casi riguardano le stagioni 2012 e/o 2013. Il team esegue sempre controlli medici approfonditi (incluso il controllo del passaporto biologico) di qualsiasi nuovo corridore tesserato. Il team non commenterà questo caso fino a che il procedimento formale non sarà definitivo e vincolante”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Crea la tua squadra ideale per la 12ª tappa del Giro 2019 e vinci 78€!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.