© Bettini Photo / Team Bahrain Merida

Bilancio Squadre 2019: Bahrain – Merida

Manca il grande acuto nella stagione della Bahrain – Merida. La compagine emiratina ha saputo dimostrarsi competitiva ad alti livelli grazie ai suoi capitani, ma non è arrivata la vittoria di peso che trasforma la stagione. Non per questo il 2019 del team è da considerarsi un fallimento, visto che non sono mancati i successi di prestigio, con le due tappe conquistate al Tour de France come apice di una stagione in cui ovviamente il secondo posto al Giro d’Italia e numerosi altri piazzamenti ribadiscono la validità di un organico che comunque sarà fortemente rinnovato in alcuni dei suoi uomini più importanti.

Cosa ha funzionato

Nel suo ultimo anno con la maglia del team fondato attorno a lui, Vincenzo Nibali ha confermato la sua affidabilità, sia a livello sportivo che garantendo la sua presenza quando richiesto dalla squadra, pur in pieno disaccordo con quanto richiesto. La sua stagione risulta così divisa in due blocchi, il primo verso il desiderato Giro d’Italia, il secondo a seguire un decisamente poco voluto Tour de France. Dopo una discreta primavera, fatta di piazzamenti ma senza acuti, arriva nella forma giusta alla Corsa Rosa, in cui conclude con un secondo posto che lascia qualche amaro in bocca (per scelte tattiche e problemi di squadra in suo supporto), pur confermandone ancora una volta il grande livello sulle tre settimane. Generoso durante una Grande Boucle in crescendo che lo vede conquistare la sua unica vittoria stagionale proprio in extremis, il siciliano si spegne lentamente con le fatiche di qeusto doppio appuntamento, non riuscendo più ad essere competitivo nei mesi successivi. Nell’anno del suo 35° compleanno, si fa comunque ancora più che notare, pur senza riuscire nell’assalto più voluto.

Due vittorie importanti le ottiene invece Dylan Teuns, che quest’anno conferma la sua capacità di essere competitivo su più terreni. Piazzato dal pavé alle Ardenne, con un bel quinto posto alla Omloop Het Nieuwsblad come miglior risultato, il belga realizza soprattutto una bella seconda parte di stagione in montagna. Vincitore di tappa al Giro del Delfinato, replica con autorevolezza al Tour de France, per poi correre anche una Vuelta a España di spessore, conclusa a ridosso dei dieci con numerosi piazzamenti parziali dopo aver anche indossato la maglia di leader. Un tempo si sarebbe detto che doveva trovare una strada da percorrere, ma la tendenza ultimamente si sta invertendo e questa sua capacità di essere competitivo su più terreni potrebbe permettergli di togliersi grandi soddisfazioni.

Crescita importante quest’anno anche per Ivan Garcia Cortina, al quale sembra mancare ancora qualcosa per essere al livello dei migliori, ma lo spagnolo ha le qualità, fisiche e mentali, per emergere, come dimostrano il successo al Giro di California e il terzo posto al GP Montréal, corsa in cui non mancavano i grandi nomi. Corridore coriaceo e veloce, sa essere prezioso sia in supporto dei capitani che in prima persona. Ruolo simile può averlo Jan Tratnik, altro giovane in rampa di lancio, capace quest’anno di conquistare il prologo del Giro di Romandia, per poi ottenere altri buoni piazzamenti nell’arco della stagione, oltre ad offrire il proprio contributo alla causa dei capitani quando richiesto. Tra le nuove leve in crescita anche Mark Padun, che a luglio ha saputo conquistare la Adriatica Ionica Race, provando poi a togliersi qualche soddisfazione importante anche alla Vuelta a España. Il tutto malgrado una stagione travagliata da un lungo infortunio, per il quale è tornato a correre solamente a giugno.

A livello numerico il più vincente è stato invece Sonny Colbrelli, capace di imporsi quest’anno in tre occasioni, nessuna tuttavia in corse WorldTour, nelle quali non ha fatto meglio di un terzo posto parziale al Giro di Romandia. Se la quantità tutto sommato non è mancata al bresciano, la qualità è stata forse meno convincente visto che le migliori prestazioni sono arrivate nei circuiti continentali, nei quali comunque ha dimostrato le qualità che tutti gli conosciamo. Discrete comunque anche le prestazioni al Tour de France, malgrado nel 2018 fosse andato obiettivamente più vicino alla vittoria. Corridore pronto al sacrificio per la squadra, vive una stagione altalenante, con un gusto di incompiuto che comunque non può oscurare (perlomeno non ancora) gli aspetti positivi.

Tra i corridori di supporto, si confermano di alto livello Damiano Caruso e Domenico Pozzovivo, elementi che potrebbero puntare a risultati importanti anche in prima persona, ma hanno dimostrato affidabilità e fedeltà alla causa del capitano, pur con qualche alto e basso dovuto a problemi fisici. Per loro anche qualche occasione per fare la loro corsa in alcune circostanze, andando più volte vicini al successo. Altri uomini di esperienza ad apportare il proprio contributo sostanzialmente rinunciando alle proprie ambizioni ci sono stati anche Yukiya Arashiro, Grega Bole, Heinrich Haussler e Marcel Sieberg, ormai soprattutto uomini squadra al servizio dei relativi capitani nei propri campi di appartenenza.

Parziale sorpresa della stagione è stato Hermann Pernsteiner, corridore che ha mostrato una notevole progressione nella Vuelta a España, costantemente in lotta con i migliori in salita, tanto da essere rimasto a lungo a giocarsi un bel piazzamento nei dieci. 15° a Madrid, paga l’inesperienza nel giorno dei ventagli, ma le sue prestazioni gli permettono di ambire a ruolo più importante nelle prossime stagioni, confermando anche per lui la bontà della multidisciplinarietà che lo ha visto arrivare su strada solamente a 27 anni.

Cosa non ha funzionato

A livello sportivo la stagione di Rohan Dennis sarebbe in realtà più che discreta visto il dominio nel mondiale a cronometro e la ottima prestazione al Giro di Svizzera, che ne conferma la grande progressione anche in salita. Ma il ritiro dal Tour de France che ha portato alla rottura del contratto pesa inevitabilmente sul bilancio di un anno che poteva essere invece quello della consacrazione anche oltre l’essere un ottimo cronoman, decisamente il più forte in circolazione al momento. Bocciato ovviamente anche Kristijan Koren, escluso dal team durante il Giro d’Italia e successivamente squalificato due anni per il suo coinvolgimento nella Operazione Aderlass.

Tra i meno brillanti su strada invece il velocista Phil Bauhaus, vincitore della Coppa Bernocchi, ma lontano dai migliori nei grandi appuntamenti della stagione. Classe 1994, è arrivato con grandi ambizioni dopo ii bei successi anche nel WorldTour delle due precedenti stagioni, ma al suo primo anno con il nuovo team non ha impressionato, malgrado un buon calendario e tante occasioni per provare a lasciare il segno. Lontano dal suo livello è apparso anche la grande promessa Matej Mohoric. Dopo un 2018 di alto livello, con successi pesanti e prestazioni notevoli nell’arco della intera stagione, lo sloveno non si è confermato, ottenendo un solo successo. Non basta chiaramente la vittoria parziale al Giro di Polonia, né il bel quinto posto alla Milano – Sanremo, per salvare l’anno di un corridore dall’enorme potenziale viste le capacità su più terreni.

Top/Flop

+++  Dylan Teuns
++ Vincenzo Nibali
+ Ivan Garcia Cortina
– Matej Mohoric
— Rohan Dennis
— Kristijan Koren

Miglior Momento

Dopo averlo visto soffrire e crescere nel corse delle settimane, scandite da generosi ma infruttuosi tentativi, Vincenzo Nibali trova la giornata giusta proprio all’ultimo giorno utile. Il siciliano conquista l’ultima tappa di montagna del Tour de France con una lunga fuga, in una tappa sulla carta non proprio ideale per le sue caratteristiche di fondista. All’attacco per tutto il giorno, come nelle frazioni precedenti, lo Squalo dello Stretto resiste alle prime sfuriate, venendo fuori con il passare dei chilometri, fino alla lunga cavalcata solitaria sull’interminabile salita finale.

Migliori Risultati

Vittorie
6/10/2019ITACOLBRELLI Sonny1.HCItaGP Bruno Beghelli
25/09/2019AUSDENNIS RohanWCTTGbrWorld Championships (Harrogate) I.T.T.
15/09/2019GERBAUHAUS Phil1.1ItaCoppa Bernocchi
1/09/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCsGerDeutschland Tour, Tappa 4 : Eisenach – Erfurt
9/08/2019SLOMOHORIC Matej2.WT2sPolTour de Pologne, Tappa 7 : Bukowina Tatranska – Bukowina Tatranska
28/07/2019UKRPADUN Mark2.1ItaAdriatica Ionica Race
27/07/2019ITANIBALI VincenzoGT1sFraTour de France, Tappa 20 : Albertville – Val Thorens
26/07/2019UKRPADUN Mark2.1sItaAdriatica Ionica Race, Tappa 2 : Palmanova – Tre Cime di Laveredo
11/07/2019BELTEUNS DylanGT1sFraTour de France, Tappa 6 : Mulhouse – La Planche des Belles Filles
30/06/2019SLONOVAK DomenNC3SloNational Championships Slovenia (Radovljica) R.R.
27/06/2019UKRPADUN MarkNCT4UkrNational Championships Ukraine (Bila Tserkva) I.T.T.
22/06/2019TPEFENG Chun KaiNCT5TpeNational Championships Taiwan (Taitung) I.T.T.
15/06/2019AUSDENNIS Rohan2.WT1sSuiTour de Suisse, Tappa 1 : Langnau im Emmental I.T.T.
10/06/2019BELTEUNS Dylan2.WT1sFraCritérium du Dauphiné, Tappa 2 : Mauriac – Craponne-sur-Arzon
16/05/2019ESPGARCIA CORTINA Ivan2.WT3sUsaTour of California, Tappa 5 : Pismo Beach – Ventura
30/04/2019SLOTRATNIK Jan2.WT1sSuiTour de Romandie, Prologue : Neuchâtel I.T.T.
19/02/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCsOmaTour of Oman, Tappa 4 : As Sifah – Muscat
Totale: 17
Secondi Posti
6/10/2019SLOTRATNIK Jan2.1sCroCRO-race, Tappa 6 : Sveta Nedelja – Zagreb
3/10/2019SLOBOLE Grega2.1sCroCRO-race, Tappa 3 : Okrug – Makarska
19/09/2019ITACOLBRELLI Sonny1.1ItaGP Citta di Peccioli – Coppa Sabatini
1/09/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCGerDeutschland Tour
30/08/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCsGerDeutschland Tour, Tappa 2 : Marburg – Göttingen
29/08/2019BELTEUNS DylanGT2sEspVuelta a España, Tappa 6 : Mora de Rubielos – Ares del Maestrat
30/06/2019ITACOLBRELLI SonnyNC1ItaNational Championships Italy (Compiano) R.R.
30/06/2019JPNARASHIRO YukiyaNC4JpnNational Championships Japan (Masuda) R.R.
23/06/2019AUSDENNIS Rohan2.WT1SuiTour de Suisse
23/06/2019AUSDENNIS Rohan2.WT1sSuiTour de Suisse, Tappa 9 : Ulrichen – Ulrichen
21/06/2019ITAPOZZOVIVO Domenico2.WT1sSuiTour de Suisse, Tappa 7 : Unterterzen – San Gottardo
20/06/2019SLOBOLE Grega2.HCsSloTour de Slovénie, Tappa 2 : Maribor – Celje
7/06/2019SLOMOHORIC MatejNCT3SloNational Championships Slovenia (Ljubljana) I.T.T.
2/06/2019ITANIBALI VincenzoGT2ItaGiro d’Italia
23/05/2019ITACARUSO DamianoGT2sItaGiro d’Italia, Tappa 12 : Cuneo – Pinerolo
25/04/2019ITANIBALI Vincenzo2.HCsItaTour of the Alps, Tappa 4 : Baselga di Pine – Cles
25/04/2019TPEFENG Chun KaiCCT2UzbAsian Cycling Championships (Gazalkent) I.T.T.
30/03/2019GERBAUHAUS Phil2.WT2sEspVolta a Catalunya, Tappa 6 : Valls – Vilaseca
11/03/2019ESPGARCIA CORTINA Ivan2.WT1sFraParis – Nice, Tappa 2 : Les Bréviaires – Bellegarde
21/02/2019ITAPOZZOVIVO Domenico2.HCOmaTour of Oman
21/02/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCsOmaTour of Oman, Tappa 6 : Muscat – Muttrah Corniche
8/01/2019AUSDENNIS RohanNCT2AusNational Championships Australia (Buninyong) I.T.T.
Totale: 22
Terzi Posti
4/10/2019AUSHAUSSLER Heinrich2.1sCroCRO-race, Tappa 4 : Starigrad – Crikvenica
15/09/2019ESPGARCIA CORTINA Ivan1.WT2CanGP de Montréal
31/08/2019ITACOLBRELLI Sonny2.HCsGerDeutschland Tour, Tappa 3 : Göttingen – Eisenach
14/07/2019SLOTRATNIK JanGT1sFraTour de France, Tappa 9 : Saint-Étienne – Brioude
21/06/2019AUSDENNIS Rohan2.WT1sSuiTour de Suisse, Tappa 7 : Unterterzen – San Gottardo
9/06/2019SLOMOHORIC Matej1.1SuiGP Citta di Lugano
7/06/2019SLOTRATNIK JanNCT3SloNational Championships Slovenia (Ljubljana) I.T.T.
25/05/2019ITANIBALI VincenzoGT2sItaGiro d’Italia, Tappa 14 : Saint-Vincent – Courmayeur
11/05/2019ITANIBALI VincenzoGT2sItaGiro d’Italia, Tappa 1 : Bologna – San Luca I.T.T.
2/05/2019ITACOLBRELLI Sonny2.WT1sSuiTour de Romandie, Tappa 2 : Le Locles – Morgins
28/04/2019TPEFENG Chun KaiCC2UzbAsian Cycling Championships (Gazalkent) R.R.
26/04/2019ITANIBALI Vincenzo2.HCItaTour of the Alps
25/03/2019SLOBOLE Grega2.WT2sEspVolta a Catalunya, Tappa 1 : Calella – Calella
24/02/2019BrnBahrain – Merida2.WT3sUaeUAE Tour, Tappa 1 : Al Hudayriat T.T.T.
21/02/2019ESPGARCIA CORTINA Ivan2.HCsEspVuelta a Andalucia / Ruta Del Sol, Tappa 2 : Sevilla – Toredonjimeno
20/02/2019ITAPOZZOVIVO Domenico2.HCsOmaTour of Oman, Tappa 5 : Samail – Jabal Al Akhdhar (Green Mountain)
Totale: 16

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.