© Sirotti

Favoriti Vuelta a España 2019, le altre Maglie: incertezza su tutti i fronti, con i big in lotta ovunque

Dopo una settimana di corsa tutto è ancora molto incerto alla Vuelta a España 2019. I dubbi non riguardano solo la lotta per la maglia rossa, ma anche quella per tutte le altre classifiche della rassegna spagnola. Le tante tappe di montagna ancora in calendario rendono molto difficile fare una previsione su quello che potrà accadere nella lotta per la Maglia a Pois e nella lotta per la Maglia Verde, visto che molto dipenderà anche dal comportamento degli uomini di classifica. Sembra essere già ristretta a soli due uomini, invece, la lotta per la Maglia Bianca di miglior giovane, che alla vigilia sembrava essere appannaggio di un solo uomo.

Favoriti Maglia Bianca Vuelta a España 2019

Alla vigilia, infatti, il candidato numero uno alla conquista della neonata classifica di miglior giovane della Vuelta era Miguel Angel Lopez e lo scalatore dell’Astana finora non ha tradito le aspettative. Il colombiano, infatti, al momento è in testa con 1′ 25″ di vantaggio sullo sloveno Tadej Pogacar. L’uomo della UAE Emirates, però, dopo la splendida vittoria nella nona tappa, rappresenta una minaccia più seria di quanto si potesse pensare alla vigilia e sicuramente proverà fino a Madrid a dare fastidio a Lopez, che resta comunque il favorito numero uno. Poche chance, invece, per gli altri 47 corridori presenti in questa speciale graduatoria, con il solo Sergio Higuita (Education First) che sembra avere il distacco e le capacità per poter sfruttare un eventuale, ma al momento piuttosto improbabile, crollo dei primi due.

Borsino dei Favoriti

***** Miguel Angel Lopez
*** Tadej Pogacar
* Sergio Higuita

Favoriti Maglia a Pois Vuelta a España 2019

La lotta per la Maglia a Pois è quella al momento più incerta e difficile da pronosticare. In testa alla classifica c’è ora Angel Madrazo (Burgos BH), soprattutto grazie ai punti conquistati con la vittoria della quinta tappa, e, avendo dimostrato di saper centrare spesso la fuga giusta, lo spagnolo sembra poter dire la sua anche in ottica vittoria finale della speciale graduatoria. In fuga si è fatto vedere più volte anche Sergio Henao (UAE), che ha dimostrato una buona gamba e sicuramente guadagnerà altri punti attaccando da lontano anche nelle prossime settimane. Visti i tanti arrivi in salita ancora previsti e i distacchi ancora molto ravvicinati tra i big, anche gli uomini di classifica potrebbero contendersi la maglia a pois, magari anche senza andarla a cercare di proposito. In questo senso gli uomini più quotati sono Miguel Angel Lopez (Astana), Nairo Quintana e Alejandro Valverde (Movistar). I punti ottenuti sin qui, poi, mettono anche Mikel Bizkarra (Euskadi-Murias) e Geoffrey Bouchard (Ag2r) in condizione di poter dire loro.

Non si può mai tagliare fuori dalla lotta per la classifica dei GPM, poi, un corridore specialista delle fughe come Thomas De Gendt (Lotto-Soudal).  Fughe da lontano che saranno il terreno di caccia anche di Hermann Pernsteiner (Bahrain-Merida) e di corridori in cerca di riscatto come Wout Poels (Ineos) e Esteban Chaves (Mitchelton-Scott). Infine, ci sono quei corridori come Rafal Majka (Bora-Hansgrohe) e Primoz Roglic (Jumbo-Visma) che fanno della regolarità in salita il loro punto di forza e che potrebbero vedere la loro costanza premiata con una ricompensa a pois azzurri al termine delle tre settimane di corsa.

Borsino di Favoriti

**** Sergio Henao, Angel Madrazo
*** Miguel Angel Lopez, Nairo Quintana, Alejandro Valverde
** Mikel Bizkarra, Geoffrey Bouchard, Thomas De Gendt, Rafal Majka
* Esteban Chaves, Hermann Pernsteiner, Wout Poels, Tadej Pogacar, Primoz Roglic

Favoriti Maglia Verde Vuelta a España 2019

A differenza di quanto accade solitamente negli altri grandi giri, alla Vuelta è molto difficile che sia un velocista a conquistare la classifica a punti. Quest’anno non sembra fare eccezione, visto che dopo la prima settimana la Maglia Verde è già sulle spalle di uno scalatore puro come Nairo Quintana (Movistar), anche se da domani sarà coperta dalla maglia rossa di leader. Il colombiano, con il successo nella seconda tappa, ha dimostrato di poter dire la sua anche in frazioni sulla carta più semplici e sicuramente resterà in lotta anche per questa graduatoria sino alla fine. Il compagno di squadra Alejandro Valverde già plurivincitore di questa classifica, però, visto anche il suo spunto veloce sembra avere ancora più chance. Tuttavia, il favorito numero uno al momento sembra essere Primoz Roglic (Jumbo-Visma), che domani indosserà la Maglia Verde, essendo secondo in classifica grazie ai numerosi piazzamenti ottenuti sin qui e che potrebbe approfittare delle fin qui cervellotiche (anche se fruttuose in ottica classifica generale) strategie della Movistar.

Se invece la lotta dovesse aprirsi ai velocisti, il candidato numero uno non potrebbe che essere Sam Bennett (Bora-Hansgrohe), che finora ha dimostrato di essere una spanna sopra i vari Fabio Jakobsen (Deceuninck Quick-Step), Luka Mezgec (Mitchelton-Scott) e Alex Aranburu (Caja Rural), con quest’ultimo che potrebbe conquistare dei punti anche in tappe leggermente più dure. Infine, se la caduta della nona tappa si rivelerà senza alcuna conseguenza, Miguel Angel Lopez (Astana) potrebbe fare bottino pieno in molte tappe e diventare un cliente scomodo anche per chi vorrà puntare a indossare la Maglia Verde a Madrid, così come nessuno potrà sottovalutare il Tadej Pogacar (UAE Emirates) visto ieri sull’arrivo di Cortals d’Encamp.

Borsino dei Favoriti

***** Primoz Roglic
**** Nairo Quintana, Alejandro Valverde
** Sam Bennett, Miguel Angel Lopez, Tadej Pogacar
* Alex Aranburu, Fabio Jakobsen, Luka Mezgec

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.