©Photogomez Sport/ASO

Vuelta a España 2019, Alejandro Valverde terzo più anziano di sempre sul podio di un GT. Tadej Pogacar il decimo più giovane

La Vuelta a España 2019 si è conclusa con risultati atipici, almeno a livello anagrafico. La corsa spagnola è stata vinta da Primoz Roglic (Jumbo-Visma), primo sloveno della storia a conquistare un Grand Tour. L’ex saltatore con gli sci è stato dominatore a cronometro e molto solido in salita, riuscendo a resistere agli attacchi degli avversari e in alcune circostanze a incrementare il suo margine anche in giornate poco adatte a lui. A entrare nel guinness sono però gli altri due corridori saliti sul podio di Madrid: Alejandro Valverde (Movistar), che con il suo secondo posto ha centrato la sua nona top 3 in un Grand Tour, e Tadej Pogacar (UAE Team Emirates), terzo.

Con questo risultato il murciano aggancia quindi Fausto Coppi e Miguel Indurain per numero di podi in un Grand Tour. Soltanto Chris Froome e Vincenzo Nibali, tra i corridori in attività, ne hanno ottenuti di più (11). Ma soprattutto Valverde, a 39 anni, 4 mesi e 20 giorni, diventa il terzo corridore più anziano della storia a finire tra i primi tre in un Grand Tour: soltanto Chris Horner, vincitore della Vuelta 2013 a 41 anni e quasi 11 mesi, e Raymond Poulidor, terzo nel Tour 1976 a 40 anni e 4 mesi, sono riusciti a essere così prestanti a un’età superiore. Per il campione del mondo anche il record assoluto per longevità visto che sono passati 16 anni dal primo podio conquistato in Spagna, quando era ancora una promessa.

Da un estremo all’altro, Tadej Pogacar entra invece nel lotto dei più giovani a essere saliti sul podio di una corsa a tappe da tre settimane. Lo sloveno, che compirà 21 anni il 21 settembre, risulta il decimo con meno esperienza sul podio, e soprattutto il primo under 21 in grado di compiere quest’impresa negli ultimi 45 anni (Baronchelli, nel 1974, fece secondo al Giro d’Italia a 20 anni e 10 mesi). Il record in questo caso appartiene a Henri Cornet, vincitore del Tour de France 1904 a 20 anni appena compiuti, proprio davanti a Jean-Baptiste Dortignacq, più anziano di un paio di mesi. Il record precedente nel terzo millennio era di Andy Schleck, secondo nel Giro d’Italia 2007 a 22 anni. Egan Bernal, vincitore del Tour de France di quest’anno a 22 anni e 7 mesi, terzo per quanto riguarda i trionfatori della Grande Boucle, è 32° in questa speciale graduatoria.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.