Giro di Sicilia 2019, gran volata di Riccardo Stacchiotti! Battuti Belletti e Pacioni

Volata perfetta di Riccardo Stacchiotti nella prima tappa del Giro di Sicilia 2019. Il corridore della Giotti Victoria – Palomar domina l’arrivo di Milazzo superando nettamente Manuel Belletti (Androni-Sidermec), che non riesce a coronare il grande lavoro dei compagni.  A completare il podio di giornata è Luca Pacioni (Neri-Selle Italia), mentre in quinta posizione chiude Sebastian Molano (UAE Team Emirates), primo a lanciare lo sprint, probabilmente troppo presto. Grazie al successo odierno, il corridore marchigiano è anche chiaramente il primo leader della generale.

Si parte subito veloci in quel di Catania, con numerosi attacchi sin dalle prime fasi di corsa. Ci vogliono comunque poco più di dieci chilometri per formare la fuga di giornata, composta da William Munoz (Coldeportes Strongman), Krister Hagen (Riwal Readynez) e Dario Puccioni (Sangemini-Trevigiani), che vengono raggiunti da Daniel Crista (Giotti Victoria – Palomar), Isaac Canton (Kometa Cycling) e Davide Baldaccini (Team Colpack). A loro invece non riesce ad unirsi Jacopo Mosca (D’Amico UM Tools), che resta qualche chilometro in sospeso prima di essere ripreso dal gruppo dopo 25 chilometri.

Il vantaggio in quel momento raggiunge il vantaggio massimo, di poco inferiore ai tre minuti, per poi essere contenuto dall’azione delle squadre rimaste tagliate fuori. Al termine della prima ora di corsa ci prova dunque Luca Wackermann (Bardiani-CSF), che spezza così quello che sembrava inizialmente un copione già scritto. Purtroppo per lui non riesce a riagganciare i corridori di testa e deve rialzarsi per essere ripreso a cento chilometri dalla conclusione. A quel punto il gruppo concede nuovamente un margine fino ai tre minuti, lasciando che i fuggitivi guadagnino ulteriormente, sino ai 4’45” a metà gara.

Da quel momento inizia però la rimonta del gruppo, che non vuole correre rischi avvicinandosi al primo GPM di questa nuova edizione del Giro di Sicilia. In salita sono Canton e Hagen ad allungare in testa alla corsa, scollinando con un vantaggio di non molto superiore al minuto. In seguito ad una scivolata in discesa di Canton, rimane il solo Hagen al comando, con il norvegese che prova ad insistere nella sua azione contro un gruppo che inizialmente non sembra voler correre rischi in discesa, ma si crea comunque un frazionamento di cui alcune squadre provano ad approfittare. Una volta tornati in pianura l’attaccante ha più di due minuti di vantaggio, ma da solo contro un gruppo ben organizzato no ha molte speranze.

Con Delko Marseille Provence, Israel Cycling Academy, Androni – Sidermec e UAE Team Emirates che si alternano nelle prime posizioni del gruppo il ricongiungimento è inevitabile, tanto che il gruppo sembra quasi voler rallentare quando si avvicina troppo alla testa della corsa. L’avventura del corridore scandinavo si conclude così a 16 chilometri dalla conclusione, quando in gruppo inizia la lotta per le posizioni. Dopo un lungo alternarsi, a dieci chilometri dalla conclusione è la Androni a forzare l’andatura sullo strappo di Capo Milazzo per provare a sfiancare i velocisti più puri.

Anche dopo lo scollinamento sono gli uomini di Gianni Savio a tenere il ritmo sino all’ultimo chilometro, con Mattia Cattaneo che tiene alta l’andatura per favorire il proprio capitano. A muoversi per primo è tuttavia Roberto Ferrari, che porta con sé Sebastian Molano (UAE Team Emirates). Il colombiano parte così a 300 metri dalla conclusione con una progressione che va sfumando. Manuel Belletti sembra così in rampa di lancio verso il successo, ma dalla sua ruota spunta Riccardo Stacchiotti (Giotti Victoria-Palomar) che riesce a superarlo nettamente per imporsi a braccia alzate.

Ordine di Arrivo Prima Tappa Giro di Sicilia 2019

Classifica Generale

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.