Giro d’Italia 2019, Landa attacca e guadagna ancora: “Cotto ma soddisfatto. Tutto è possibile”

Mikel Landa Meana grande animatore della tredicesima tappa del Giro d’Italia 2019. Già all’attacco ieri verso Pinerolo, l’alfiere della Movistar si è ripetuto in occasione del primo arrivo in salita. Scattato a 15 chilometri dal traguardo di Ceresole Reale, lo scalatore basco ha beneficiato dapprima dell’aiuto dei compagni di squadra Hector Carretero e Andrey Amador e poi ha proseguito in solitaria l’inseguimento ai fuggitivi, risultando terzo all’arrivo con poco più di un minuto di ritardo dal vincitore Ilnur Zakarin (Katusha-Alpecin). Il grande sforzo profuso gli ha permesso di guadagnare 1’30” nei confronti del tandem composto da Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), rientrando così prepotentemente in lotta per la classifica generale nonostante un ritardo ancora superiore ai 2′ nei confronti dello sloveno.

“Ho attaccato da lontano – ha commentato a caldo – e nel finale è stato davvero molto difficile. L’altitudine sommata a questo lungo sforzo mi ha fatto arrivare cotto al traguardo. Sono molto contento del risultato, le gambe sono buone e i miei compagni hanno svolto un lavoro fantastico. Volevo provarci e questo risultato mi dà sicurezza e fiducia per continuare così. Continueremo ad attaccare fin quando le gambe risponderanno. Non voglio parlare ancora della classifica, perché al Giro tutto cambia molto rapidamente. Dobbiamo continuare a ragionare giorno per giorno, perché quello che è successo oggi dimostra che tutto è possibile”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.