Federciclismo, da oggi i ciclisti italiani sono autorizzati a gareggiare all’estero

I ciclisti italiani potranno tornare a gareggiare all’estero. Nei giorni scorsi, infatti, la FCI aveva aperto un’indagine su tutti quei corridori che avevano gareggiato al di fuori dei confini nazionali prima del 30 giugno, tra i quali Alessandro De Marchi che aveva preso parte ai campionati nazionali sloveni. Lo sport agonistico, infatti, era stato bloccato in fino al 30 giugno in Italia, ma da oggi con un nuovo provvedimento la federazione consente ai propri atleti di gareggiare anche al di fuori dei confini nazionali, con l’unica eccezione dei tredici paesi indicati dal Ministero della Salute per prevenire il contagio da coronavirus.

 

I paesi esclusi sono Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù e Repubblica Dominicana, tutti paesi che non hanno una grande tradizione ciclistica e quindi, di fatto, la delibera del presidente Di Rocco è un via libera totale per i ciclisti azzurri al ritorno alle corse oltre confine: “Il DPCM del 15.7 ha confermato quanto disposto dal DPCM dell’ 11 giugno 2020 fino al 31 luglio 2020, in merito al consentire lo svolgimento anche degli sport di contatto e di gruppo nelle Regioni e Province Autonome che, d’intesa con il Ministero della Salute e dell’Autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori. Tenuto conto che, allo stato, soltanto tre Regioni italiane non consentono nei loro specifici Decreti regionali lo svolgimento di sport di contatto e di gruppo mentre tutte le altre lo autorizzano. Preso atto dell’ Ordinanza firmata il 9 luglio dal Ministro della Salute, sentiti i Ministri degli Affari Esteri, dell’Interno e dei Trasporti, che ha disposto il divieto di ingresso e transito in Italia a chi nei quattordici giorni antecedenti ha soggiornato o è transitato in 13 Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana e che tale lista potrebbe essere integrata con altri Paesi…,Dalla data odierna (15 luglio 2020, ndr) è consentito agli atleti italiani partecipare a gare ed eventi all’estero, nel rispetto dei protocolli UCI e delle normative statali vigenti nelle nazioni in cui si svolgono le gare. Non è consentito, per motivazioni di prevenzione del contagio, partecipare a gare ed eventi nei Paesi di cui al decreto del Ministero della Salute citato in premessa ed ad altri che venissero indicati successivamente dallo stesso Ministero”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.