Arkéa-Samsic, Nacer Bouhanni vittima di insulti razzisti: “Denuncerò, non voglio più lasciar correre”

Brutta disavventura online per Nacer Bouhanni. Il corridore dell’Arkéa-Samsic, finito al centro dell’attenzione mediatica dopo la brutta manovra ai danni di Jake Stewart nello sprint della Cholet-Pays de La Loire vinto da Elia Viviani. Il francese, in attesa di eventuali sanzioni per l’episodio, aveva ammesso l’errore e poi provato a difendersi, lanciando anche qualche frecciatina al giovane britannico,  ma a qualcuno le sue parole non sono piaciute scatenando delle reazioni vergognose e ingiustificabili. Come lo stesso classe ’90 ha fatto notare sul suo profilo Instagram, alcuni trogloditi lo hanno aggredito verbalmente con degli insulti razzisti (in inglese, spagnolo e neerlandese) guadagnandosi una bella denuncia.

“Un saluto a tutti i burloni che nell’ultima settimana si sono divertiti a scrivermi o a commentare su alcuni siti di ciclismo che dovrei tornarmene in Africa, che sono un criminale, un nordafricano che deve essere rinchiuso e che continuano a mandarmi emoticon di maiali. Dovreste sapere che sono nato in Francia e sporgerò denuncia, perché sto sopportando tutto questo da tempo e sono rimasto zitto, ma ora non voglio più lasciar correre”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.