©Photogomez Sport/ASO

UAE Team Emirates, Tadej Pogačar: “Non mi aspettavo una stagione del genere, spero che la prossima possa essere simile o persino migliore”

Tadej Pogacar traccia un bilancio particolarmente positivo al termine della sua prima stagione nel World Tour. La stagione dello sloveno era cominciata a febbraio con  la vittoria della Volta ao Algarve ed era proseguita a maggio con la vittoria del Giro di California, che aveva fatto del corridore della UAE Emirates il più giovane a conquistare una corsa World Tour (record poi battuto da Remco Evenepoel alla Clásica San Sebastián). La crescita del classe ’98 era poi proseguita a fine estate con la prima partecipazione a un grande giro, concluso concluso con il terzo posto alla Vuelta a España conquistata dal suo connazionale Primoz Roglic. Un risultato che ha portato il ventunenne a puntare già sul 2020.

“Non me l’aspettavo, ma credo che non se l’aspettasse nessuno – ha commentato a The National riguardo alla sua stagione, esaltata anche dal team manager della sua squadra, Mauro Giannetti – Mi sono sorpreso quasi in ogni corsa. È stata una stagione incredibile, sia per me che per la squadra. Spero che la prossima stagione possa essere simile a questa, o persino migliore. La stagione prossima sarà molto pesante a causa delle Olimpiadi e dei Campionati del Mondo. Ogni corsa è adatta a me, quindi dovrò scegliere a quali corse partecipare”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *