Milano-Torino 2018, Pinot: “Finalmente ho vinto una classica italiana!”

Dopo tanti tentativi Thibaut Pinot riesce finalmente ad alzare le braccia al cielo alla Milano-Torino 2018. Il capitano della Groupama-FDJ ha condotto la gara in maniera perfetta, sfruttando il grande lavoro del giovane compagno David Gaudu per piazzare la stoccata decisiva a 2,5 chilometri dall’arrivo in cima al Colle di Superga. Non poteva esserci miglior biglietto da visita in vista de Il Lombardia, dove proverà a migliorare il terzo posto del 2015. Vista la concorrenza, con molti di questi avversari che troverà poi sabato nella classica delle foglie morte, il morale non può che essere alto.

Senza il pasticcio tra Gaudu e Miguel Angel López (Astana), costato ad entrambi la caduta, probabilmente avrebbe avuto qualche problema in più a sbarazzarsi del colombiano, ma il ciclismo è anche questo e il risultato non cambia. “Vincere finalmente una classica italiana è per me molto importante – ha ammesso Pinot raggiante – Amo questa corsa. Se non fosse stato per la caduta a un chilometro dall’arrivo ci sarebbe stata più battaglia con Miguel Angel Lopez, che era l’uomo da battere oggi, così come Valverde. Arrivare prima del Campione del Mondo è sempre un bel risultato. La caduta un po’ rovina la vittoria, sono cose che capitano, ma dispiace. Un po’ ha spezzato il ritmo anche a me e sicuramente con Lopez sarebbe stata una bella battaglia e non sappiamo come sarebbe andata”.

La condizione è quella dei giorni migliori ed è giusto sognare in grande: “Una bella vittoria, volevo finire bene e, a prescindere da come andrà sabato, questa resta una settimana positiva. Sabato vediamo, darò tutto, spero di avere le gambe come oggi”.

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.