© Sirotti

Deceuninck-QuickStep, Patrick Lefevere: “Sappiamo di poter battere Van Aert e Van der Poel. Il nostro catenaccio irritante? La corsa è anche tattica”

Patrick Lefevere spiega come battere Wout Van Aert e Mathieu van der Poel. Il team manager della Deceuninck-QuickStep è riuscito nell’impresa con il suo team pochi giorni fa, alla E3 SaxoBankClassic 2021, quando con un grande gioco di squadra i suoi uomini sono riusciti a conquistare la corsa con Kasper Asgreen (aggiungendo anche la ciliegina sulla torta del secondo posto di Sénéchal davanti proprio a Van der Poel). Il manager belga ha rivelato che all’interno del team sono convinti di poter battere ancora i due fenomeni del ciclocross e di avere in serbo ancora altre tattiche, rispondendo anche a chi ha giudicato irritante quella messa in atto ad Harelbeke.

“Tutti parlano dei tre grandi (ai due del ciclocross, si aggiunge Alaphilippe – ndr) – ha spiegato a Het Laatste NieuwsSappiamo di poter battere Van Aert e Van der Poel come abbiamo fatto alla E3. Abbiamo altre tattiche, ma sarà per la prossima volta. Dobbiamo provare a distruggerli da lontano. Se non facciamo quell’attacco, loro possono tornare da dietro e batterci con la loro esplosività. Non volevamo che accadesse. Erano tattiche irritanti secondo qualcuno? Ognuno può avere la propria opinione. Quella era la nostra tattica. Se il Club Brugge è la squadra di calcio più forte e un’altra squadra deve batterli con una tattica irritante difendendo la propria porta… va così. La corsa non è solo pedalare, ma anche tattica. Se non hai singoli più forti, allora devi attaccare gli avversari in maniera collettiva”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *