Coronavirus, ufficiale: il CCC Team rinuncia alla Parigi-Nizza e non sarà alla Tirreno-Adriatico: “Squadre abbandonate dall’UCI”

Come anticipato, il CCC Team non sarà al via della Parigi-Nizza 2020. A comunicarlo è la stessa formazione polacca, che nel contempo ha fatto sapere anche che non prenderà il via della Tirreno-Adriatico 2020, in caso questa si svolga. Un nuovo, duro, colpo per gli organizzatori delle due brevi corse a tappe simbolo di questo periodo ciclistico dell’anno. La Parigi-Nizza, in particolare, aveva già visto quattro squadre dichiarare la propria decisione di non essere al via di Plaisir, domenica 8 marzo. La CCC ha quindi ufficializzato la sua rinuncia, per il momento circoscritta alla Corsa del Sole e a quella dei Due Mari.

“Il ciclismo è uno sport unico – le parole del medico della squadra, Max Testa – Le squadre si spostano di città in città e pernottano in alberghi diversi ogni notte, venendo a contatto con il pubblico in ambienti per lo più incontrollabili. La salute di corridori, staff e del pubblico è la priorità e con così tante incognite intorno ai protocolli che potrebbero essere messi in atto, crediamo che il nostro ritiro sia la decisione giusta. A questo punto della stagione, possibilità di infezioni delle alte vie respiratorie e di febbre sono alte ed è inevitabile che corridori e personale finiscano per ammalarsi durante le corse. Senza un dettagliato piano di quarantena e un protocollo che permetta di fare velocemente i test e di averne i risultati, le squadre mettono atleti e staff a rischio di esposizione, trasmissione e di quarantena. Dobbiamo anche pensare al rischio di isolamento per i nostri corridori nel momento in cui questi tornano nelle loro nazioni dopo aver corso”.

“Non è semplice decidere di rinunciare alla Parigi-Nizza o alla Tirreno-Adriatico, anche se ci aspettiamo che questa venga ufficialmente cancellata, dopo quanto successo alla Strade Bianche – le parole del patron della squadra, Jim Ochowitz – Stiamo agendo nell’interesse di corridori e staff e vogliamo ridurre il rischio di trasmissione del virus in queste corse a tappe. La situazione con il COVID-19 cambia rapidamente e noi continueremo a monitorarla, cambiando il nostro calendario in base agli sviluppi. Ci teniamo a esprimere il nostro supporto ad ASO ed RCS, mentre notiamo con disappunto la mancanza di governo da parte dell’UCI in questo momento così critico, con squadre di atleti e atlete che sono state lasciate a cavarsela da sole”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.