© UAE Team Emirates / BettiniPhoto

Tour de France 2020, Giuseppe Saronni sul ritiro di Fabio Aru: “Ci ha deluso ma ha colpe anche chi ha deciso di portarlo”

Fa discutere il ritiro di Fabio Aru al Tour de France 2020. Lo scalatore sardo si è staccato poco dopo il via della nona tappa, ritirandosi dopo 70 chilometri di corsa. Un ritiro imprevisto, nonostante le condizioni fisiche non perfette del corridore dell’UAE Team Emirates, che getta ulteriori ombre sul suo futuro nel professionismo. Guseppe Saronni, ex Team Manager della squadra emiratina che lo conosce bene, ha provato a capire quando successo in diretta su Rai2, non lesinando critiche sia al corridore che allo staff della squadra.

Fabio Aru non era nelle condizioni per andare al Tour – ha affermato ai microfoni della televisione di stato – Ci ha deluso in un momento in cui avevamo tanto bisogno di lui. Questo per noi è un grande problema. Il problema è che è chiaro che chi è più fragile di carattere crolla completamente quando fisicamente e muscolarmente non è in condizione. Abbiamo visto più volte che Fabio da questo punto di vista non reagisce molto. Si demotiva e crea una situazione peggiore di quella che èC’è una grossa componente caratteriale“.

A questo punto, il problema maggiore è il gregario in meno che oggi avrà Tadej Pogacar: “Quando tu hai un corridore con questa condizione, e chi lo convoca per portarlo a una corsa importante come il Tour non lo capisce, ti ritrovi con un corridore in meno che aiuta la squadra. Ha colpe anche chi ha deciso di portare comunque Aru al Tour. Era nei suoi programmi e quindi voleva esserci, ma c’è anche la responsabilità di chi deve verificare che un corridore sia in grado di affrontare una corsa come il Tour”.

Una decisione che voleva dare un supporto in più allo sloveno, un uomo di esperienza che sa cosa significa lottare e vincere per un grande giro, ma il risultato risulta ora controproducente: “Non stiamo correndo il Tour solo alla giornata per risultati parziali – conclude – ma abbiamo un corridore che merita tutto il rispetto e si doveva valutare bene quali erano i migliori gregari per lui. Viene a mancare ora un compagno importantissimo ed è un grave danno per Pogacar e per la squadra“.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.