Bilancio Squadre 2020: UAE Team Emirates

Quella 2020 resterà una stagione da incorniciare per la UAE Team Emirates. Sono infatti ben 33 i successi finali della formazione emiratina, quattro in più rispetto ad un anno fa, quando però si disputarono molte più gare in confronto a questa travagliata annata. Su tutte, spicca ovviamente la vittoria di Tadej Pogacar nella classifica generale del Tour de France, corsa nella quale sono arrivati anche quattro successi di tappa (tre grazie al 22enne sloveno e uno, il primo, di Alexander Kristoff) e altre due Maglie oltre a quella Gialla. In generale, comunque, sono diversi i corridori del team che hanno portato a casa almeno una vittoria, con la squadra che è riuscita ad imporsi in almeno una tappa di tutti e tre i Grandi Giri.

Cosa ha funzionato

Tadej Pogacar è l’assoluto protagonista dell’annata della squadra emiratina. Alla seconda stagione da professionista, il nativo di Komenda si è già imposto come uno dei più forti corridori al mondo, migliorando ulteriormente i già ottimi risultati ottenuti nel 2019 e portando a casa nove vittorie. Sin dall’inizio dell’anno, il 22enne dimostra di avere una gran gamba conquistando due tappe e la classifica finale della Volta a la Comunitat Valenciana, per poi presentarsi all’UAE Tour, dove vince la quinta frazione e termina la corsa al secondo posto nella generale. Dopo il lockdown, a fine giugno si impone nei campionati nazionali a cronometro davanti a Primoz Roglic, che una settimana prima l’aveva battuto nella prova in linea, per poi prendere il via ad inizio agosto a due classiche non proprio adatte alla sue caratteristiche, Strade Bianche e Milano-Sanremo, che però conclude appena fuori dalla top ten.

Non brillantissimo al Delfinato, chiuso comunque in quarta posizione, parte invece bene al Tour, dove è secondo nella quarta frazione, ma tre giorni dopo rischia di gettare al vento (letteralmente) le possibilità di lottare per il successo finale quando perde quasi un minuto e mezzo dai migliori per colpa dei ventagli. Il talentuoso scalatore, però, non si perde d’animo, andando all’attacco già il giorno successivo per recuperare secondi e concludendo la prima settimana con la vittoria a Laruns, al termine di una serrata volata ristretta. Anche la seconda settimana, nella quale appare in grande crescita, termina con un successo di tappa, ma il vero capolavoro avviene nella cronometro finale, quando recupera tutto lo svantaggio dalla Maglia Gialla Roglic, rifilandogli un minuto e diventando, 24 ore dopo, il più giovane vincitore della Grande Boucle in oltre 100 anni. Oltre alla Gialla, si porta a casa anche la Maglia a Pois e quella Bianca, diventando il secondo corridore nella storia a vincere tre classifiche diverse al Tour. La sua stagione termina con un Mondiale corso sì all’attacco, ma in supporto al connazionale Roglic, e con Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi, chiuse rispettivamente al nono e al terzo posto, piazzamenti che dimostrano che il 22enne non è solamente un corridore da gare a tappe.

Altro membro del team autore di un’ottimo anno è Diego Ulissi, che per l’undicesima stagione di fila riesce a portare a casa almeno una vittoria. Alla fine sono cinque, due in più del 2019, ma sono tantissimi i podi del corridore toscano sin dall’inizio dell’annata, che ne fanno uno dei corridori più piazzati nel 2020. Già al Tour Down Under, infatti, chiude secondo solamente alle spalle di Richie Porte, mentre all’UAE Tour è uno dei tre corridori della squadra a finire nella top ten, alle spalle di Pogacar e Formolo. Dopo la pausa, sfiora il successo al Giro di Polonia e al Gran Piemonte: due secondi posti che, con un pizzico di coraggio in più, sarebbero forse potuti diventare due belle affermazioni. I piazzamenti proseguono anche nelle successive corse italiane, mentre la tanto agognata vittoria arriva al Giro del Lussemburgo, con la conquista di due tappe e della classifica finale. Il morale è quindi alto al via del Giro d’Italia, dove subito arriva il successo nella frazione di Agrigento davanti a Peter Sagan, per poi ripetersi dieci giorni dopo a Monselice, quando al termine di una volata di una ventina di corridori batte la Maglia Rosa Joao Almeida.

Molti piazzamenti in tutta la stagione anche per Jasper Philipsen, che ad inizio anno in Australia sfiora il successo in più di un’occasione. Dopo il lockdown, sono numerose le top ten tra agosto e settembre (ma è degno di nota l’undicesimo posto in una corsa lunga e difficile come la Bretagne Classic), con una sola vittoria al Tour du Limousin, seguita da quella nella prima tappa del BinckBank Tour davanti all’ex campione del Mondo Mads Pedersen e a Pascal Ackermann. Il 22enne belga chiude l’anno alla Vuelta a España dove, nonostante le poche occasioni per gli sprinter, è secondo nella quarta frazione battuto solo da uno strepitoso Sam Bennett, mentre ottiene la sua prima vittoria in un GT nella quindicesima tappa, in una giornata che presentava più di 4000 metri di dislivello e che dimostra che, nei prossimi anni e con uno specifico allenamento, potrà forse diventare uomo da classiche.

La sfortuna, invece, ci mette lo zampino nell’annata di Davide Formolo, che comunque è protagonista di un agosto di alto livello. Alle Strade Bianche, è secondo alle spalle solamente di uno scatenato Wout van Aert, mente al Giro del Delfinato conquista una bellissima tappa dopo una fuga solitaria di 65 chilometri, chiudendo decimo un Campionato Italiano (dove era campione uscente) non propriamente adatto alle sue caratteristiche. Al via del Tour de France per supportare Pogacar in salita, il 28enne cade nella decima tappa procurandosi la frattura della clavicola; infortunio che lo costringe ad abbandonare la corsa ma, soprattutto, a saltare i Mondiali e le classiche a lui più congeniali. Si presenta quindi alla Vuelta dove, complice una forma non ottimale, non riesce quasi mai a brillare, provando senza successo la fuga in un paio di occasioni.

Il secondo corridore più vittorioso del team dopo Pogacar è Fernando Gaviria. Manca però il successo di prestigio per il 26enne che, nelle sue sei vittorie, solo a Burgos è stato in grado di confrontarsi e di battere velocisti di alto livello, mentre bruciano soprattutto le sconfitte alla Tirreno-Adriatico ad opera di Pascal Ackermann. Sulla stagione dello sprinter colombiano, però, pesano (e anche tanto) le due positività al Covid-19, la prima all’UAE Tour e la seconda al Giro d’Italia, che hanno sicuramente influenzato negativamente la sua annata.

Quella di Alexander Kristoff, invece, viene salvata da un unico successo, ma è uno di quelli che contano: il norvegese, infatti, si impone nella prima tappa del Tour de France, andando così a vestire per la prima volta in carriera la Maglia Gialla, anche se riesce a tenerla solo per un giorno. Una vittoria che vale una stagione, sebbene rimanga l’unica per lui in questo 2020, nel quale paga dazio rispetto ai velocisti più giovani, pur piazzandosi in diverse occasioni. Compensa comunque con un altro podio al Giro delle Fiandre, dove vince la volata del gruppo pochi secondi dietro a Van der Poel e Van Aert.

Tra gli altri vincenti del team si segnalano Juan Sebastian Molano (tre tappe al Tour Colombia e un quarto posto a Matera al Giro d’Italia) e un redivivo Rui Costa, che torna al successo dopo tre anni vincendo la prima frazione del Saudi Tour e i campionati portoghesi in linea. L’ex campione del mondo è protagonista di diversi piazzamenti, anche alla Vuelta ma, in fin dei conti, gli manca sempre qualcosa per ambire alla vittoria di prestigio. Bene anche Valerio Conti, che si impone al Trofeo Matteotti ed è terzo di tappa al Tour de l’Ain dietro soltanto a Roglic e Bernal. Preziosissimo il lavoro fatto in favore di Diego Ulissi al Giro, ad Agrigento, il laziale tenta poi diverse volte la fuga nel prosieguo della corsa, non riuscendo però mai a trovare la giornata giusta.

Nella Corsa Rosa, buone prestazioni anche per i giovani Mikkel Bjerg (due terzi posti nella prima e nella nona frazione e qualche fuga) e Brandon McNulty, che al primo Grande Giro in carriera è secondo a Tortoreto alle spalle di Peter Sagan e terzo nella crono di Valdobbiadene, riuscendo a terminare la gara in quindicesima posizione, piazzamento che fa ben sperare per il futuro. E fa ben sperare anche Alessandro Covi, protagonista a settembre di un ottavo posto nella Coppa Sabatini ma, soprattutto di un secondo al Giro dell’Appennino e di un nono alla Freccia del Brabante, gara nella quale si è confrontato senza timori con i big del ciclismo mondiale.

Discreta anche l’annata di David de la Cruz che, dopo aver sfiorato la vittoria nella quarta tappa del Delfinato, non è in grado di supportare al meglio Pogacar al Tour per colpa di una caduta nelle prime frazioni; alla Grande Boucle, comunque, riesce a concludere per due volte nella top ten di giornata. Si presenta poi alla Vuelta con i gradi di capitano e, dopo un inizio non facile, con il passare delle tappe cresce di condizione fino ad entrare nei primi dieci della generale in seguito ad una buona cronometro, migliorando poi il piazzamento grazie ad una fuga nella diciassettesima tappa e terminando la corsa in settima posizione.

Cosa non ha funzionato

Purtroppo, anche quest’anno Fabio Aru è la principale nota negativa della squadra. Inutile discutere sulle cause di un’altra stagione non all’altezza di quello che è il talento del corridore sardo, che il prossimo anno avrà la possibilità di rilanciarsi e di trovare nuove motivazioni in un’altra formazione. In realtà, in termini di piazzamenti e di continuità, l’annata del 30enne non è peggiore rispetto a quella del 2018 o del 2019; nell’unica gara disputata prima del lockdown, il Tour Colombia, chiude al dodicesimo posto a tre minuti e mezzo dal vincitore, Sergio Higuita, mentre alla ripresa, a Burgos, è nono a 2’36” da Evenepoel. Quinto alla Mont Ventoux Denivele Challenge e decimo al Tour de l’Ain, le note dolenti arrivano con i ritiri a Il Lombardia e, soprattutto al Tour de France, con quest’ultimo che gli attira anche critiche da parte dei vertici del team, a testimonianza di un clima non più sereno nei rapporti tra il vincitore della Vuelta 2015 e la formazione emiratina. Cambiare aria potrebbe permettergli di disputare con maggior serenità una stagione 2021 nella quale tentare il riscatto.

Non positiva neanche l’annata per Joe Dombrowski, arrivato in squadra ad inizio stagione con grandi aspettative dopo il buon 2019, nel quale aveva concluso il Giro d’Italia in dodicesima posizione. Lo statunitense non riesce mai ad essere protagonista nelle gare nelle quali viene schierato al via e proprio alla Corsa Rosa, con la quale aveva mostrato un buon feeling un anno fa, conclude a più di due ore dal vincitore e alle spalle di due suoi compagni di squadra, McNulty e Ulissi.

Meno incisivo rispetto allo scorso anno Alexander Riabushenko, protagonista nel 2019 di diversi piazzamenti e un successo alla Coppa Agostoni. Nessuna vittoria in questa stagione per il bielorusso, sfortunato ad inizio annata al Tour Down Under, quando una caduta nella prima tappa gli provoca la frattura del polso. Dopo il lockdown, i maggiori risultati sono due terzi posti al Memorial Pantani e alla Coppa Sabatini, mentre il 2020 si chiude per lui con il primo GT disputato, la Vuelta a España, dove però non riesce praticamente mai a mettersi in mostra.

Sottotono, infine, gli altri tre colombiani del team, Sergio Henao, Cristian Muñoz e Andres Camilo Ardila. Se il 32enne prova almeno a cercare una vittoria di tappa alla Vuelta grazie a qualche attacco da lontano, concludendo anche la corsa in quindicesima posizione, sono poche le occasioni di mettersi in mostra per i due scalatori, anche a causa delle tante gare minori cancellate. In queste poche chances avute, però, sono più le volte che non riescono a portare la bici al traguardo piuttosto che quelle in cui riescono a concludere la gara. Comunque, soprattutto il più giovane dei tre, Ardila, che era alla prima stagione da professionista, avrà maggiori possibilità nel 2021 di mostrare il proprio talento.

Top/Flop

+++ Tadej Pogacar
++ Diego Ulissi
+ Jasper Philipsen
– Alexandr Riabushenko
— Joe Dombrowski
— Fabio Aru

Miglior Momento

Sembra quasi superfluo dirlo, ma il miglior momento della squadra è stato certamente il successo di Tadej Pogacar al Tour de France. In particolare la penultima tappa, la cronometro di La Planche des Belles Filles, nella quale il giovane talento sloveno ha ribaltato la situazione, rifilando quasi due minuti alla Maglia Gialla Primoz Roglic e prendendosi il simbolo del primato, potendo così salire sul gradino più alto del podio finale di Parigi il giorno seguente.

Migliori Risultati

Vittorie
5/11/2020 BEL PHILIPSEN Jasper GT2s Esp Vuelta a España, Tappa 15 : Mos – Puebla de Sanabria
16/10/2020 ITA ULISSI Diego GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 13 : Cervia – Monselice
4/10/2020 ITA ULISSI Diego GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 2 : Alcomo – Agrigento
29/09/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.WT2s Bel BinckBank Tour, Stage 1 : Blankenberge – Ardooie
20/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1 Fra Tour de France
19/09/2020 ITA ULISSI Diego 2.PS Lux Tour de Luxembourg
19/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1s Fra Tour de France, Stage 20 : Lure – La Planche des Belles Filles I.T.T.
18/09/2020 ITA ULISSI Diego 2.PSs Lux Tour de Luxembourg, Stage 4 : Rodange – Differdange
16/09/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 1.1 Ita Giro della Toscana – Memorial Alfredo Martini
15/09/2020 ITA ULISSI Diego 2.PSs Lux Tour de Luxembourg, Stage 1 : Luxembourg – Luxembourg
13/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1s Fra Tour de France, Stage 15 : Lyon – Grand-Colombier
6/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1s Fra Tour de France, Stage 9 : Pau – Laruns
29/08/2020 ITA CONTI Valerio 1.1 Ita Trofeo Matteotti
29/08/2020 NOR KRISTOFF Alexander GT1s Fra Tour de France, Stage 1 : Nice – Nice
23/08/2020 NOR BYSTRØM Sven Erik NC3 Nor National Championships Norway (Royse) R.R.
20/08/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.1s Fra Tour du Limousin, Stage 3 : Ussac – Chamberet
19/08/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.1s Fra Tour du Limousin, Stage 2 : Base de Rouffiac – Grand Étang de Saint-Estèphe
16/08/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria NC3 Por National Championships Portugal (Paredes) R.R.
14/08/2020 POR OLIVEIRA Ivo Emanuel Alves NCT3 Por National Championships Portugal (Paredes) I.T.T.
14/08/2020 ITA FORMOLO Davide 2.WT1s Fra Critérium du Dauphiné, Stage 3 : Corenc – Saint-Martin-de-Belleville
29/07/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.PSs Esp Vuelta a Burgos, Stage 2 : Castrojeriz – Villadiego
28/06/2020 SLO POGACAR Tadej NCT2 Slo National Championships Slovenia (Gorje – Pokljuka) I.T.T.
27/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.WT3s Uae UAE Tour, Stage 5 : Al Ain – Jebel Hafeet
15/02/2020 COL MOLANO BENAVIDES Juan Sebastian 2.1s Col Tour Colombia, Stage 5 : Paipa – Zipaquira
13/02/2020 COL MOLANO BENAVIDES Juan Sebastian 2.1s Col Tour Colombia, Stage 3 : Paipa – Sogamoso
12/02/2020 COL MOLANO BENAVIDES Juan Sebastian 2.1s Col Tour Colombia, Stage 2 : Paipa – Duitama
9/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.PS Esp Volta a la Comunitat Valenciana
8/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.PSs Esp Volta a la Comunitat Valenciana, Stage 4 : Calp – Altea/Sierra de Bernia
6/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.PSs Esp Volta a la Comunitat Valenciana, Stage 2 : Torrent – Cullera
4/02/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria 2.1s Ksa Tour of Saudi Arabia, Stage 1 : Riyadh – Jaww
2/02/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.PSs Arg Vuelta a San Juan, Stage 7 : San Juan – San Juan
29/01/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.PSs Arg Vuelta a San Juan, Stage 4 : Jachal – Valle Fertil
27/01/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.PSs Arg Vuelta a San Juan, Stage 2 : Pocito – Pocito
Totale: 33
Secondi Posti
23/10/2020 BEL PHILIPSEN Jasper GT2s Esp Vuelta a España, Stage 4 : Garray – Ejea de los Caballeros
13/10/2020 USA MCNULTY Brandon GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 10 : Lanciano – Tortoreto
1/10/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.WT2s Bel BinckBank Tour, Stage 3 : Aalter – Aalter
19/09/2020 ITA ULISSI Diego 2.PSs Lux Tour de Luxembourg, Stage 5 : Mersch – Luxembourg
19/09/2020 ITA COVI Alessandro 1.1 Ita Giro dell’Appennino
16/09/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.PSs Lux Tour de Luxembourg, Stage 2 : Remich – Hesperange
8/09/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.WT1s Ita Tirreno – Adriatico, Stage 2 : Camaiore – Follonica
7/09/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.WT1s Ita Tirreno – Adriatico, Stage 1 : Lido di Camaiore – Lido di Camaiore
4/09/2020 ITA ULISSI Diego 2.1s Ita Settimana Coppi e Bartali, Stage 4 : Forli – Forli
1/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1s Fra Tour de France, Stage 4 : Sisteron – Orcières-Merlette
21/08/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria 2.1s Fra Tour du Limousin, Stage 4 : Lac de Saint-Pardoux – Limoges
15/08/2020 ESP DE LA CRUZ MELGAREJO David 2.WT1s Fra Critérium du Dauphiné, Stage 4 : Ugine – Megève
14/08/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria NCT3 Por National Championships Portugal (Paredes) I.T.T.
12/08/2020 ITA ULISSI Diego 1.PS Ita Gran Piemonte
7/08/2020 ITA ULISSI Diego 2.WT2s Pol Tour de Pologne, Stage 3 : Wadowice – Bielsko Biala
1/08/2020 ITA FORMOLO Davide 1.WT3 Ita Strade Bianche
26/07/2020 BLR RIABUSHENKO Aliaksandr NC4 Blr National Championships Belarus (Naroulia) R.R.
21/06/2020 SLO POGACAR Tadej NC2 Slo National Championships Slovenia (Cerklje – Ambroz) R.R.
29/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.WT3 Uae UAE Tour
26/02/2020 COL GAVIRIA RENDON Fernando 2.WT3s Uae UAE Tour, Stage 4 : Dubai – Dubai
25/02/2020 SLO POGACAR Tadej 2.WT3s Uae UAE Tour, Stage 3 : Al Qudra – Jebel Hafeet
16/02/2020 NOR KRISTOFF Alexander 1.PS Esp Clasica de Almeria
1/02/2020 COL MOLANO BENAVIDES Juan Sebastian 2.PSs Arg Vuelta a San Juan, Stage 6 : Villicum – Villicum
26/01/2020 ITA ULISSI Diego 2.WT1 Aus Tour Down Under
21/01/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.WT1s Aus Tour Down Under, Stage 1 : Tanunda – Tanunda
Totale: 25
Terzi Posti
25/10/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria GT2s Esp Vuelta a España, Stage 6 : Biescas – Aramon Formigal
18/10/2020 NOR KRISTOFF Alexander 1.WT1 Bel Ronde van Vlaanderen
17/10/2020 USA MCNULTY Brandon GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 14 : Conegliano – Valdobbiadene I.T.T.
11/10/2020 DEN BJERG Mikkel GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 9 : San Salvo – Roccaraso
4/10/2020 SLO POGACAR Tadej 1.WT1 Bel Liège – Bastogne – Liège
3/10/2020 DEN BJERG Mikkel GT2s Ita Giro d’Italia, Stage 1 : Monreale – Palermo I.T.T.
17/09/2020 BLR RIABUSHENKO Aliaksandr 1.PS Ita GP Citta di Peccioli – Coppa Sabatini
16/09/2020 SLO POGACAR Tadej GT1s Fra Tour de France, Stage 17 : Grenoble – Méribel/Col de la Loze
30/08/2020 BLR RIABUSHENKO Aliaksandr 1.1 Ita Memorial Marco Pantani
21/08/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria 2.1 Fra Tour du Limousin
18/08/2020 ITA ULISSI Diego 1.PS Ita Giro dell’Emilia
16/08/2020 SLO POGACAR Tadej 2.WT2 Fra Critérium du Dauphiné, Stage 5 : Megève – Megève
8/08/2020 ITA CONTI Valerio 2.1s Fra Tour de l’Ain, Stage 2 : Lagnieu – Lélex Monts-Jura
28/06/2020 SLO POLANC Jan NCT2 Slo National Championships Slovenia (Gorje – Pokljuka) I.T.T.
1/03/2020 NOR KRISTOFF Alexander 1.PS Bel Kuurne – Brussel – Kuurne
21/02/2020 USA MCNULTY Brandon 2.PSs Esp Vuelta a Andalucia / Ruta Del Sol, Stage 3 : Jaen – Ubeda
8/02/2020 POR COSTA Rui Alberto Faria 2.1 Ksa Tour of Saudi Arabia
5/02/2020 NOR KRISTOFF Alexander 2.PSs Esp Volta a la Comunitat Valenciana, Stage 1 : Castello – Vila-Real
31/01/2020 USA MCNULTY Brandon 2.PSs Arg Vuelta a San Juan, Stage 5 : Caucete – Alto Colorado
24/01/2020 BEL PHILIPSEN Jasper 2.WT1s Aus Tour Down Under, Stage 4 : Norwood – Murray Bridge
Totale: 20
Scegli la tua squadra per il Fanta Vuelta a España 2022! Montepremi minimo di 20.000 euro e il primo premio è di 2.000 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button