Giro d’Italia 2022, possibili cambiamenti per l’apertura dello spumante dopo quanto successo a Girmay: “Può essere pericoloso”

Le bottiglie di spumante al centro dell’attenzione al Giro d’Italia 2022. L’incidente occorso a Biniam Girmay sul podio della decima frazione della Corsa Rosa, quando il corridore della Intermarché-Wanty-Gobert è stato colpito in un occhio dal tappo della bottiglia di spumante che stava stappando dopo la vittoria di tappa, con l’eritreo che è poi stato costretto ad abbandonare il Giro per l’infortunio riportato, starebbe portando l’organizzazione ad alcuni ripensamenti riguardo alla cerimonia di premiazione, come riportato da Cyclingnews. Quello occorso all’22enne non è stato infatti l’unico incidente di questo genere durante questa edizione: anche Mathieu Van Der Poel, Koen Bouwman e Juan Pedro Lopez hanno rischiato negli scorsi giorni di ricevere un tappo in un occhio mentre si trovavano sul podio.

Mi è accaduto lo stesso il primo giorno, ma fortunatamente [il tappo] non mi è finito in un occhio – ha dichiarato Van Der Poel – Penso che gli organizzatori dovrebbero già togliere un po’ il tappo, o qualcosa del genere, perché viene fuori molto facilmente. In realtà è un po’ pericoloso. Non è questo il modo in cui uno vuole lasciare il Giro”.

“Non prendo in mano bottiglie di champagne molto spesso e certamente non molte di queste bottiglie sono da tre litri, ma sono più pesanti di quanto si pensi – ha invece aggiunto James Knox a Velonews – Non è una normale bottiglia di vino. Pesa circa otto chili. Quindi le persone si chinano per stapparle ed è così frizzante che spara fuori [il tappo]”.

“È il terzo o quarto corridore a cui è capitato – ha invece affermato Aimé De Gendt, compagno di squadra di Girmay – Succede a causa del calore della bottiglia di champagne e la pressione è troppo alta. Quando sei sul podio non pensi di ricevere un tappo negli occhi. È un peccato.”

Per questo motivo, l’organizzazione potrebbe decidere di cambiare le cose: “Stiamo valutando cosa possiamo fare per evitare qualcosa di simile – ha dichiarato a Cyclingnews il direttore del Giro d’Italia Mauro Vegni – Un infortunio del genere non succedeva da anni. Vedremo come possiamo migliorare le cose e renderle più sicure, senza intaccare il momento di festa del corridore sul podio, gli sponsor e lo sport”.

Scegli la tua squadra per la sesta tappa del Fanta Tour de France! Montepremi minimo di 600 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button