© Jean-Claude Faucher

W52/FC Porto, Raul Alarcon proclama la sua innocenza dopo la sospensione: “Cercherò di dimostrare che non ho infranto alcuna regola”

Nella giornata di ieri, era giunta la notizia della sospensione in via provvisoria di Raul Alarcon a causa di una possibile violazione del regolamento antidoping. Oggi, lo spagnolo della squadra portoghese W52/FC Porto, attraverso il suo profilo Facebook, proclama la sua innocenza, negando di aver fatto uso di sostanze dopanti durante la sua carriera. Il 33enne, che nelle ultime annate con la formazione lusitana ha raccolto diversi successi, tra cui un’edizione della Vuelta Asturias e due edizioni del Giro del Portogallo, promette dunque battaglia nel prossimo processo, al fine di dimostrare che non ha infranto il regolamento antidoping dell’UCI.

“Confermo che lunedì mattina l’UCI mi ha notificato che sono stato sospeso in via provvisoria dall’attività sportiva. Tuttavia, ho prove mediche che non vi è alcuna violazione delle norme antidoping. Nel prossimo processo cercherò quindi di dimostrare che sono innocente e che non ho infranto alcuna regola”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.