© Israel Cycling Academy

Burgos-BH, Edwin Avila si difende: “Ho mangiato carne contaminata prima del controllo antidoping”

Edwin Avila si difende dopo la positività ad un controllo antidoping riscontrata nei giorni scorsi. Nell’organismo del corridore colombiano della Burgos – BH era stato trovato del boldenone, uno steroide anabolizzante, che, a detta sua, è stato assunto tramite carne contaminata. In un comunicato diramato oggi, Avila si definisce “assolutamente innocente da qualsiasi accusa di doping” e che ha “già avviato tutte le procedure legali e burocratiche per risolverla”, affermando che in Colombia “l’uso del boldenone con il bestiame non è legalmente vietato” citando i precedenti di Juan José Amador e del tennista Robert Farah.

La sua difesa si incentra quindi sull’avere mangiato carne “nelle ore precedenti il controllo antidoping”, cosa di cui ha “prove attendibili”. Di conseguenza, è sicuro di poter dimostrare la propria innocenza “senza alcun dubbio“.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.