Velon, presentata una nuova denuncia contro l’UCI alla Commissione Europea

Dopo quella presentata un mese fa, arriva una nuova denuncia di Velon nei confronti dell’UCI. A inizio ottobre, infatti, l’associazione che raggruppa diverse formazioni WorldTour e che organizza le Hammer Series aveva presentato una denuncia alla Commissione Europea contro il massimo organismo mondiale del ciclismo accusandolo di abuso di potere. Ora, sempre alla Commissione Europea, Velon presenta una nuova denuncia, ma questa volta per un caso di discriminazione; oggetto del contendere è la prova delle Hammer Series di Stavanger, allestita da quest’anno assieme agli organizzatori del Tour des Fjords, per cui era stata fatta richiesta all’UCI di inserire anche una versione femminile della prova nel 2020. A supportare l’iniziativa, c’erano anche la federazione ciclistica norvegese, le squadre e le associazioni dei corridori, e la gara avrebbe avuto la stessa copertura tv e gli stessi premi di quella maschile.

A ottobre, la federazione norvegese aveva annunciato che l’Unione Ciclistica Internazionale aveva inserito la prova femminile nella bozza di calendario del prossimo anno ma pochi giorni dopo, al momento della pubblicazione dei calendari, la gara non era presente. L’UCI ha giustificato la scelta di non inserire la corsa spiegando che “non è nel miglior interesse del ciclismo femminile”, ripetendo quanto già fatto con la versione femminile delle Hammer Series in Colombia. Per questo motivo, Velon ha quindi aggiunto una nuova denuncia alla Commissione Europea, in cui viene richiesto di adottare misure provvisorie in accordo con l’articolo 8 del regolamento 1 del 2003 per permettere che l’evento venga disputato.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.