UAE Tour 2020, Rafal Majka: “L’obiettivo era il podio, ma oggi non avevo le gambe”

Sono mancate le gambe a Rafal Majka nella quinta tappa dello UAE Tour 2020. Partito con l’obiettivo di attaccare il podio di Alexey Lutsenko, il corridore della Bora – Hansgrohe non è riuscito a tenere il ritmo dei migliori sulla salita di Jabel Hafeet, che ha premiato Tadej Pogacar. A differenza del kazako dell’Astana e di David Gaudu, ovvero gli uomini in lotta con lui per il podio, il polacco ha tagliato il traguardo pieno di rimpianti per una gamba che non l’ha supportato a dovere e che l’ha costretto ora a perdere ulteriore terreno, che appare ormai irrecuperabile.

“È stata una giornata difficile – ha dichiarato senza nascondersi – L’obiettivo era il podio, ma purtroppo non avevo le gambe. Quando ho capito di non poter restare con i primi, mi sono concentrato sul non perdere troppo terreno e difendere la mia quinta posizione nella generale. In generale, invece, sono contento delle mie prestazioni allo UAE Tour. Siamo ancora all’inizio della stagione e sono fiducioso per i mesi che verranno”.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio