Parigi-Roubaix 2021, Wout Van Aert non è contento della sua prova: “A volte ero troppo spaventato”

Non è andata come avrebbe voluto la Parigi-Roubaix 2021 di Wout van Aert. Il belga della Jumbo-Visma non è riuscito a rispondere a tutte le accelerazioni del rivale Mathieu van der Poel (Alpecin – Fenix), chiudendo così la corsa nel gruppetto che si è giocato in volata la quinta posizione, ad 1’16” dal vincitore di giornata Sonny Colbrelli (Bahrain – Victorious). Nonostante i tanti anni passati nel fango del ciclocross, il vincitore della Milano-Sanremo 2020, è sembrato soffrire proprio le difficili condizioni in cui si è svolta la corsa.

“È stata una corsa veramente dura – ha raccontato ai nostri microfoni – È veramente difficile restare concentrati per così tanto tempo: dal primo settore all’ultimo sei sempre concentrato. Era molto difficile restare in piedi. A un certo punto ho perso i miei occhiali ed è stato molto difficile conservare una buona visuale”.

Il tre volte campione mondiale di ciclocross non è soddisfatto della sua gara: “Non sono soddisfatto di come ho corso sulle pietre. Specialmente a ruota ero troppo spaventato a volte e ho perso molte energie chiudendo piccoli distacchi. Quindi penso non ci sarebbe dovuto essere niente di più per me che un settimo posto”.

Il vicecampione olimpico ha anche riconosciuto i suoi errori, spiegando cosa è successo quando van der Poel ha attaccato: “Mathieu era in testa, mentre io ero troppo dietro. È stato veramente un grosso errore da parte mia non essere nella giusta posizione. Abbiamo perso subito troppo tempo. Avevo due compagni davanti a me, ma entrambi hanno avuto sfortuna in quel momento”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *