Milano-Torino 2017, Aru: “Felice del podio; ora voglio dare un segnale al Lombardia”

Fabio Aru c’è, questo è uno dei verdetti della Milano – Torino 2017. Pur lontano dalla condizione mostrata nella prima parte del Tour de France, il corridore della Astana è stato protagonista in positivo nell’impegnativa classica piemontese, chiudendo in terza posizione alle spalle di Rigoberto Uran e Adam Yates. Un colpo importante del Cavaliere dei Quattro Mori, in costante crescita dopo le discrete prestazioni a Giro dell’Emilia e Tre Valli Varesine. “Ho avuto sensazioni migiori rispetto a sabato e martedì – commenta – Sul San Luca avevo sofferto, ma oggi mi sono sentito bene. Sono felice perché sono legato al Piemonte e vengo spesso ad allenarmi sul Sestriere oltre al fatto che la mia ragazza è di queste zone. Ho da sempre un bel ricordo di questa gara. L’ho corsa da neo professionista nel 2012 al fianco di Contador. Era come un sogno che si realizzava. Ancora una volta riesco a salire sul podio, sono felice”.

Il mirino ora si sposta su Il Lombardia, sfida cruciale di questo mese di ottobre, nella quale il sardo non può essere escluso dal lotto dei favoriti. “Sarà una corsa molto bella – afferma – Mi piacerebbe dare un bel segnale e fare qualche azione, vediamo se avrò le gambe”. Gli avversari di livello non mancheranno, per una sfida che si preannuncia entusiasmante. “Nibali sta molto bene e lo ha dimostrato – conclude Aru – Abbiamo visto che anche Uran va forte, oggi ha fatto un’azione di forza molto bella. Penso che saranno in tanti a giocarsela, anche Quintana è in crescita”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *