© Sirotti

Giro delle Fiandre 2018, umori diversi in casa UAE; Ganna: “E’ stato incredibile”, Kristoff: “Kwaremont troppo duro”

Giornata dai due volti per la UAE Team Emirates al Giro delle Fiandre 2018. La formazione asiatica si è goduta la lunga fuga di Filippo Ganna nei chilometri iniziali, ma non è poi riuscita a centrare l’auspicata top 10 con Alexander Kristoff, apparso appannato nel momento decisivo. “È stato incredibile – racconta Ganna – La gente sui muri urlava talmente tanto che quando il direttore sportivo parlava alla radio non riuscivo a sentirlo e gli chiedevo di ripetere. Non avevo neanche sentore dei miei pensieri. La verità è che mi piacerebbe fare bene fin da subito in queste corse, ma prima occorre imparare bene a muoversi in queste corse. Qua ogni metro risparmiato, è un metro che ti ritrovi nel finale. Se penso alla Paris-Roubaix? No, adesso no. Sono troppo stanco”.

Mi è mancato qualcosina sul Kwaremont, ma in questo momento, probabilmente, questo muro è troppo duro per me – osserva deluso Kristoff – Forse la soluzione più intelligente era anticipare il muro e il momento buono è stato quando è scattato Terpstra. Ora riposiamo e poi penserò alla Paris-Roubaix”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.