© Mario Stiehl

Freccia Vallone 2019, Fuglsang: “Ci ho provato, in volata non avrei avuto chance”

Jakob Fuglsang secondo anche alla Freccia Vallone 2019. Il danese ha deciso di affrontare in maniera coraggiosa il Muro di Huy, nella speranza di anticipare gli uomini con lo spunto più veloce. Un piano riuscito soltanto a metà, visto che Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quickstep) è riuscito a rientrare e a batterlo nel finale. Dopo il piazzamento d’onore alle Strade Bianche 2019, il corridore dell’Astana risulta quindi sconfitto dal francese anche nella classica belga. Il risultato comunque fa ben sperare in vista della prossima Liegi-Bastogne-Liegi 2019.

Al termine della gara, l’argento olimpico ha dichiarato: “Ieri ho parlato con Alessandro Ballan. Mi ha detto che negli ultimi anni nella Freccia Vallone nessuno ha provato ad attaccare da lontano, ognuno ha aspettato e sprintato negli ultimi 200 metri. Sapevo che in questo genere di volata non avrei avuto chance, non sono abbastanza esplosivo come altri corridori, sapevo di dovermi muovere un pochino prima rispetto agli altri. Ci ho provato, ha quasi funzionato ma almeno ho dato tutto“.

Fuglsang ha poi voluto smentire che la rivalità con il vincitore sia qualcosa che va oltre l’aspetto sportivo: “No, non odio Alaphilippe. Dobbiamo ancora correre tante volte. All’Amstel l’ho battuto. Abbiamo differenti qualità, forse lui vince di più nelle corse da una settimana e in quelle da un giorno, io ho risultati migliori in quelle più lunghe. E’ così, non siamo uguali ma forse per questo possiamo sfidarci. Senza questa competizione non sarebbe stato altrettanto divertente“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.