Giro d’Italia 2019, Vegni fiducioso: “Non ci sono problemi per Ceresole Reale, sono convinto saliremo sul Gavia”

Mauro Vegni tranquillo per i tapponi alpini del Giro d’Italia 2019. Malgrado le preoccupazioni che aleggiano in particolare per la scalata del Gavia, con l’arrivo al Lago Serrù di questo venerdì a sua volta in dubbio, il direttore della Corsa Rosa si dice sereno di non dover apportare modifiche ad alcuna tappa, conservando il percorso nella sua integralità, come è stato disegnato in origine. La neve e il maltempo non accennano al momento a placarsi (come sappiamo bene tutti che in questi giorni, da Nord a Sud, ancora ci capita nostro malgrado di indossare felpe di pile) ma la macchina organizzativa è al lavoro da tempo e con anticipo, tanto che non si temono anche le prossime intemperie. Unico rischio, ovviamente, se dovessero essere previste precipitazioni proprio in concomitanza con la corsa.

Siamo fiduciosi, come sempre – commenta Vegni a margine della cerimonia con cui ha ricevuto il titolo di Commendatore dell’Ordine Equestre di Sant’Agata, uno dei più prestigiosi di San Marino – Monitoriamo la situazione giorno per giorno. Ceresole Reale è praticabile e la strada verrà pulita all’ultimo momento, non ci sono problemi. Per quanto riguarda il Gavia, inutile parlarne con tanto anticipo. Le province di Brescia e Sondrio stanno lavorando da giorni su entrambi i versanti, anche di notte: la nostra speranza è che il tempo migliori e comunque sono convinto che sul Gavia si transiterà“.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.