Tirreno-Adriatico 2017, il percorso ufficiale (tutte le altimetrie)

Percorso classico per la Tirreno – Adriatico 2017. Svelata oggi al Tearto dell’Olivo di Camaiore, la 52ª edizione della Corsa dei Due Mari, in programma dall’8 al 14 marzo prossimo, conferma un percorso misto, che offre possibilità a tutti i corridori. Lungo i 1012 chilometri in programma, ci saranno infatti tappe per velocisti, per scalatori, per scattisti e per passisti, con la tradizionale cronosquadre in apertura a Camaiore e il consueto finale individuale di San Benedetto del Tronto. Contro il tempo ci saranno dunque un totale di 32,8 chilometri, mentre le altre frazioni si confermano di lunga durata, con ben tre giorni sopra i 200 chilometri. Torna inoltre il Terminillo, che nel 2015 regalò uno spettacolo innevato. Emozionante si preannuncia la quinta frazione, in programma domenica 12 marzo, con un passaggio nelle zone colpite dal terremoto. Da Rieti a Fermo il gruppo percorrerà infatti alcune delle zone sconvolte dal sisma ad agosto ed ottobre: Amatrice, Accumuli, Pescara del Tronto. Come vi avevamo anticipato nelle scorse settimane, confermato per altri tre anni l’accordo con Camaiore, che ospiterà la partenza della corsa dunque sino al 2020 compreso.

Si parte dunque nuovamente con una cronosquadre dalle grandi velocità. Tutta piatta e con poche curve, sarà terreno di conquista delle squadre dei passistoni e degli specialisti. Il giorno successivo si riparte da Camaiore in direzione di Pomarance. Quattro le salite poste lungo il percorso, con l’ultimo strappo che potrebbe dare spazio agli attaccanti, o comunque sfiancare i velocisti più puri. Più difficile sarà invece evitare lo sprint a ranghi compatti al termine dela Monterotondo MarittimoMontalto di Castro, con la parte centrale che non dovrebbe bastare a rendere dura la corsa visti i tanti chilometri pianeggianti nel finale. Dopo tre tappe quasi fotocopia rispetto alla passata stagione, bisogna fare un ulteriore passo indietro di un anno: la quarta frazione arriva infatti al Terminillo, dove nel 2015 Nairo Quintana si impose sotto la neve, offrendo grande spettacolo. La tappa regina, oltre all’arrivo in salita, prevede altri due GPM, sarà dunque una vera giornata di montagna. Attenzione anche alla quinta frazione: nella giornata della solidarietà sarà comunque ciclismo vero, con la Tappa dei Muri che ritorna su un percorso molto movimentato. Pendenze spesso in doppia cifra, seppur per brevi tratti, potrebbero sorprendere. Dopo la Rieti – Fermo, l’ultima tappa in linea sarà invece nuovamente per velocisti. Da Ascoli Piceno a Civitanova Marche il percorso non sembra infatti offrire appigli agli attaccanti. Per chiudere il cerchio, conclusione classica con la crono individuale di San Benedetto del Tronto, 10,1 chilometri ormai ben conosciuti.

PERCORSO TIRRENO – ADRIATICO 2017

Tappa 1 ( Mercoledì 8 Marzo): Lido di Camaiore (Cronosquadre) 22,7 km
Tappa 2 (Giovedì 9 Marzo): Camaiore – Pomarance 228 km
Tappa 3 (Venerdì 10 Marzo): Monterotondo Marittimo – Montalto di Castro 204 km
Tappa 4 (Sabato 11 Marzo): Montalto di Castro – Terminillo (Campoforagna) 171 km
Tappa 5 (Domenica 12 Marzo): Rieti – Fermo 209 k
Tappa 6 (Lunedì 13 Marzo) Ascoli Piceno – Civitanova Marche 168 km
Tappa 7 (Martedì 14 Marzo): San Benedetto del Tronto (Crono) 10,1 km


Vedi Anche

CicloMercato, Van Garderen vicino all’accordo con la EF?

Tejay Van Garderen in procinto di lasciare la BMC Racing. La formazione statunitense non ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.