© Tour de Suisse/Sam Buchli

Giro di Svizzera 2021, Mathieu van der Poel concede il bis e si prende la maglia di leader

Mathieu van der Poel ha conquistato la terza frazione del Giro di Svizzera 2021. Il corridore dell’Alpecin-Fenix, dopo aver conquistato la tappa di eri si è ripetuto anche quest’oggi, vincendo in volata su Christophe Laporte (Cofidis) e Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep), rispettivamente secondo e terzo. Il campione del mondo resta a 1″ dalla leadership nella generale, dove però ora si trova proprio Mathieu van der Poel che grazie all’abbuono supera Stefan Küng, che ora scende al terzo posto a 4″ dal nuovo leader.

Contrariamente alle aspettative, il primo attacco è quello buono. A partire sin dal chilometro zero sono così Rémy Rochas (Cofidis), Benjamin King (Rally Cycling) e Claudio Imhof (Swiss Cycling), ai quali il gruppo è ben felice di dare strada. Accorgendosi che nessun altro ha intenzione di muoversi, Mathias Frank (Ag2r Citroën Team) aspetta che la strada inizi a salire per scattare a sua volta, innescando una timida reazione da parte del gruppo. L’esperto corridore svizzero riesce così a riportarsi sulla testa della corsa dopo venti chilometri, con il vantaggio rispetto al gruppo aumentato sino a quattro minuti nei saliscendi iniziali. Dopo aver dato l’impressione di volersi avvicinare e aver accorciato il proprio ritardo a tre minuti, la Groupama – FDJ decide di allentare la presa fino a concedere sei minuti dopo la prima ora di corsa.

Il plotone non sembra particolarmente preoccupato dai quattro uomini in testa, che arrivano ad acquisire un vantaggio massimo di 7’15”. A questo punto la Trek-Segafredo prende in mano la situazione e inizia a tirare per tenere sotto controllo il distacco. Quando davanti si portano anche il Team Bike-Exchange e soprattutto la Alpecin-Fenix, il vantaggio dei fuggitivi torna a essere limitato a circa 4 minuti. Il primo Gpm di giornata viene affrontato proprio con 3’55” di gap: il primo a transitare in cima è King. Dopo aver superato anche il primo traguardo volante di giornata (vinto da Imhof) ed essere entrati nel circuito conclusivo, aumenta l’andatura il gruppo, causando delle cadute che portano a frazionare il plotone, costringendo un gruppetto con Gino Mader (Bahrain Victorious), Lucas Hamilton (BikeExchange), Neilson Powless (EF Education-Nippo) e Domenico Pozzovivo (Qhubeka Assos) a inseguire per qualche chilometro.

Con il gruppo nuovamente compatto alle spalle dei fuggitivi ai -35, la Alpecin-Fenix decide di accelerare e il gap degli attaccanti scende a 1’45” ai -30, con la Bora-Hansgrohe che a quel punto decide di prendere il comando delle operazioni. Queste due formazioni si dividono il lavoro fino all’inizio della seconda salita di giornata, dove tra i fuggitivi Imhof perde subito contatto, mentre Remy Eochas se ne va da solo.

Un attacco di Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) porta allo scollinamento un gruppetto di otto corridori alle spalle di Rochas: oltre allo stesso neerlandese, ci sono Richard Carapaz e Edward Dunbar (Ineos Grenadiers), Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep), Michael Woods (Israel Start-Up Nation), Esteban Chaves (BixeExchage), Omar Fraile (Astana-PremierTech) e Benjamin King (RLY), che viene ripreso proprio al GPM. In discesa finisce l’azione solitaria di Rochas, mentre altri corridori riescono a rientrare da dietro, con Julian Alaphilippe che invece prova subito ad andarsene da solo appena iniziata la discesa.

Dopo la fine dell’azione del campione del mondo, ripreso ai -18 grazie al forcing della Ineos Grenadiers, inizia a regnare l’anarchia in gruppo, con i vari attacchi che si susseguono senza soluzione di continuità. Situazione di cui al traguardo volante riesce ad approfittare Mattia Cattaneo (Deceuninck-QuickStep) che si prende i tre secondi di abbuoni anticipando Eddie Dunbar (Ineos Grenadiers) e Michael Woods (Israel Start-Up Nation). Ai – 9 Ivan Garcia Cortina (Movistar) provare a piazzare l’attacco e guadagna subito qualche metro, fino a raggiungere 18” di vantaggio, con Alpecin-Fenix e BikeExchange che si mettono a tirare in gruppo per andare a riprenderlo. Tuttavia, servono anche gli sforzi di Total Direct Energie e Deceuninck-QuickStep per andare chiudere su di lui, quando siamo già all’interno dell’ultimo chilometro. A quel punto è tutto pronto per una volata praticamente senza storia dove Mathieu van der Poel si impone agevolmente davanti a Laporte, Alaphilippe e Matthews e si va a prendere anche la maglia di leader.

Risultato Tappa 3 Giro di Svizzera 2021

Classifica Generale Giro di Svizzera 2021

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.