Presentazione Percorso e Favoriti Primus Classic 2019

Continua a crescere la Primus Classic. Giunta alla sua nona edizione, la corsa belga dedicata agli ex corridori Raymond Impanis e Peter Van Petegem, e sponsorizzata dal 2014 dalla birra Primus, è stata capace di attrarre al via ben nove formazioni World Tour, con molti corridori vogliosi di testarsi in vista del mondiale di Yorkshire 2019. Nelle precedenti edizioni la corsa si è rivelata particolarmente adatta agli uomini da classiche, in particolar quelli con il maggior spunto veloce. Nonostante le sole otto edizioni disputate sin qui, l’albo d’oro presenta vari nomi illustri, tra cui quello del campione olimpico Greg Van Avermaet (CCC), e quello dell’ex campione europeo Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), che è per ora l’unico azzurro ad aver trionfato in questa corsa.

ORARIO DI PARTENZA:12:15
ORARIO DI ARRIVO (PREVISTO):
16:47– 17:20
DIRETTA:
15:00 Eurosport
HASHTAG UFFICIALE: 
#PrimusClassic

Albo d’oro Primus Classic

2018 | VAN DER HOORN Taco
2017 | TRENTIN Matteo
2016 | GAVIRIA Fernando
2015 | DE BIE Sean
2014 | VAN AVERMAET Greg
2013 | VANMARCKE Sep
2012 | GREIPEL André
2011 | CORDEEL Sander

Percorso Primus Classic 2019

La corsa partirà da Brakel per poi giungere ad Hacht dopo 197 chilometri di corsa. I corridori affronteranno un percorso piuttosto frastagliato, con una quindicina di strappetti che potrebbero restare nelle gambe sul finale. I velocisti, dunque, dovranno essere molto bravi a non farsi sorprendere, soprattutto dopo lo sprint intermedio di Braine-le-Comte, posto dopo 74 chilometri di corsa.

Da quel momento non ci sarà più spazio per rifiatare, con la Rue de Nivelles (1,1 km al 4,9%) e la Rue de Haut-Ittre (0,6 km al 4%), che cominceranno a creare le prime difficoltà in gruppo. Tuttavia è probabile che il grosso del gruppo arrivi compatto, superando anche qualche altro strappo di minore entità, fino ai -50, quando si entrerà nel vivo della corsa con la Chaussée d’Ottenbourg (0,7 km al 7%).

Dall’Ottenbourg in poi qualsiasi momento potrebbe essere buono per fare la differenza, a partire dallo strappo in pavé di Moskensstraat (0,5 km al 7,2%) situato a 43 chilometri dall’arrivo e immediatamente seguito dal Holstheide (0,8 km al 5,8%). L’ultima occasione ghiotta per chi vorrà evitare l’arrivo allo sprint, invece, sarà verosimilmente ai – 34, quando i corridori dovranno affrontare l’ Horenberg (0,4 km al 7%).

Scollinato quest’ultimo strappetto, per i velocisti rimasti in gruppo non sarà un problema nemmeno superare l’ Hulstbergstraat (0,5 km al 3,2%), ultima côte, posta ai -17 dall’arrivo. A quel punto sarà battaglia tra eventuali fuggitivi e il gruppo che inseguirà fino alla fine per provare a concludere la corsa in volata, lasciando tutti gli appassionati con il fiato sospeso sino all’ultimo istante di gara.

Favoriti Primus Classic 2019

CLICCA QUI PER LA STARTLIST

La corsa vedrà al via molti dei favoriti per la vittoria del mondiale di Yorkshire 2019, vogliosi di testare la propria condizione in vista della rassegna iridata. Sarà interessante scoprire le condizioni di Mathieu Van der Poel (Corendon Circus), che ha vinto da dominatore il Tour of Britain e, se manterrà questo stato di forma, sarà il naturale favorito sia domani che, soprattutto, nello Yorkshire. L’olandese, però, non avrà vita facile, visto che dovrà battere la concorrenza di un tre volte campione del mondo come Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che nelle ultime uscite canadesi ha mostrato un’ottima gamba e non è riuscito ad alzare le braccia al cielo solo per un forte marcamento nei suoi confronti, che però stavolta dovrebbe essere minore proprio grazie alla presenza del vincitore dell’ultima Amstel Gold Race. Dal Canada è uscito invece con un trionfo importante Greg Van Avermaet (CCC), che ha già trionfato sul traguardo di Hacht nel 2014 e ha tutte le carte in regola per centrare uno storico bis.

Non mancheranno poi i velocisti più puri, e se la Bora-Hansgrohe di Sagan difficilmente terrà la corsa chiusa per favorire Pascal Ackermann, è più probabile che squadre come la Jumbo-Visma e la Deceuninck-Quick Step puntino a un arrivo in volata, vista la presenza nelle loro rose rispettivamente di Dylan Groenewegen, oggi terzo al Campionato delle Fiandre, e Fabio Jakobsen. Un’interessante selezione è anche quella della Trek-Segafredo che con corridori come Mads Pedersen, Jasper Stuyven e Edward Theuns potrà giocarsi le proprie carte in un’infinità di scenari possibili.

A tenere in alto l’orgoglio tricolore, invece, dovrà pensarci ancora una volta Giacomo Nizzolo (Dimension Data), buon ottavo oggi al Campionato delle Fiandre, che però  stavolta dovrà dividere la leadership interna con Mark Cavendish, mentre Jakub Mareczko rappresenterà semplicemente un’eventuale alternativa a Van Avermaet in casa CCC. Altri nomi da tenere d’occhio sono poi quelli di Krists Neilands (Israel Cycling), autore di un gran numero due giorni fa al GP di Vallonia, Jasper De Buyst (Lotto-Soudal), Cees Bol e Max Walscheid (Sunweb), Niki Terpstra (Total Direct Energie), il vincitore del 2015 Sean De Bie (Rompoot-Charles) e le varie alternative a Groenewegen in casa Jumbo-Visma: Mike Teunissen, Danny Van Poppel e  Amund Grøndahl Jansen.

Borsino dei favoriti

***** Mathieu Van der Poel
**** Peter Sagan, Greg Van Avermaet
*** Dylan Groenewegen, Fabio Jakobsen, Jasper Stuyven
** Giacomo Nizzolo, Edward Theuns, Pascal Ackermann, Krists Neilands
* Mike Teunissen, Jasper De Buyst, Cees Bol, Niki Terpstra, Sean De Bie

Altimetria e Planimetria Primus Classic 2019

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.