© Sirotti

#SpazioTalk, Angelo Citracca: “Finora non abbiamo avuto difficoltà, ma possono sorgere problemi. Speriamo un calendario di almeno 2-3 mesi pieni”

Angelo Citracca non nasconde le sue preoccupazioni per le ripercussioni sul movimento legate alla pandemia Coronavirus. Ospite della terza puntata di #SpazioTalk, il General Manager della Vini Zabù – KTM, ha analizzato la situazione in seno alla squadra che dirige con Luca Scinto. Finora la formazione Professional è riuscita ad ottemperare a tutti i pagamenti senza mettere in cassa integrazione i suoi dipendenti né facendo ricorso a forme di credito agevolato, ma il deus ex machina della squadra resta vigile sulla situazione contemplando il possibile disimpegno di qualche sponsor minore con il conseguente rischio di default economico. Nel frattempo, riflettendo al possibile calendario che potrà emergere al termine della crisi, per le squadre di seconda categoria teme potrà essere ancora più ritardato, sperando di avere quantomeno 2-3 mesi pieni a fine anno.

Come state agendo in questo momento di difficoltà per l’intero movimento? Avete previsto o è nell’ordine delle cose il ricorso alla cassa integrazione?
In questo momento non abbiamo ancora preso nessuna decisione in merito. Stiamo un po’ aspettando l’evoluzione, finora grosse difficoltà economiche non ci sono perché si sfruttano un po’ di risorse di cassa. Le squadre cercano di anticipare il corso dei pagamenti e si riesce in questo periodo a non avere grossi problemi. Certamente da aprile in avanti qualche problema potrebbe arrivare anche a noi. Abbiamo una situazione di sponsorizzazioni molto frastagliata, una squadra piccola come la nostra non si regge su 3-4 sponsorizzazioni grandi. Avendo circa 25 sponsor, sicuramente una buona parte avrà difficoltà economiche come sta avvenendo un po’ per tutti nel paese, soprattutto per le aziende medie. Chi fa investimenti di 40-50 mila euro ci potranno creare qualche problema perché, a loro volta, li avranno nella loro gestione. Ci si aspetta qualche difficoltà da queste settimane in avanti, nei prossimi giorni vedremo l’evoluzione e se ci sarà da prendere qualche provvedimento, lo prenderemo. Ad oggi non è stato ancora deciso nulla. La situazione è in divenire e non si sa quale sviluppi possa avere. Credo che questo capiti un po’ per chiunque, qualsiasi squadra può avere problemi da una settimana all’altra, tranne qualche colosso. C’è da capire quanto duri questa pandemia e quali problematiche potranno avere le aziende andando avanti.

Per ora è tutto invariato sia per i corridori che per lo staff?
Fino al mese di marzo non c’è stata nessuna presa di posizione. Per quanto riguarderà gli emolumenti di aprile, valuteremo. Se ci sarà qualche difficoltà, proveremo a capire cosa fare o non fare. In questo momento non è stata presa nessuna decisione perché neanche noi abbiamo ancora chiara la situazione. Il problema è mese per mese. In questo momento nessuno sponsor ci ha comunicato nulla, ma ci si aspetta purtroppo che qualche azienda possa andare in difficoltà e avremo qualche problema. Le difficoltà ci sono a cose normali, ci sono sempre stati ritardi. In questo momento ci si aspetta che possa venir fuori un problema e lo valuteremo nelle prossime settimane.

Potete beneficiare dell’integrazione del Decreto Cura Italia riservato alle società sportive?
No, non possiamo. Quello è solo per le ASD, mentre le società di capitali non possono aderire. Sono i famosi 600 euro ai collaboratori, possono attingere solo le ASD. Con il Team Franco Ballerini abbiamo fatto 8-10 richieste per i collaboratori, ma sono 600 euro per quelle figure. La squadra professionistica non può beneficiarne, ma solo le persone che non hanno reddito. Ad esempio chi è direttore sportivo tra i dilettanti ma ha una busta paga, non può ottenerli. Si tratta di una forma di contributo piccolo per chi lo fa come volontariato. Abbiamo fatto una riunione venerdì scorso con la Lega e il presidente federale Renato Di Rocco per capire se le tre squadre Professional, ovvero noi, Bardiani e Androni, di trovare risorse. Lui provava a sentire il Coni per capire se c’è una forma per darci una mano. Sarebbe un modo per aiutare queste tre squadre come società di capitali.

Alla ripresa la priorità verrà data alle corse World Tour con il rischio che voi Professional abbiate anche poche possibilità per correre
Lo dicevo anche ai miei ragazzi che mi chiamano: a luglio che gare ci saranno nelle quali potranno essere invitate le Professional? Credo che per noi la ripresa sarà da agosto, ma facilmente da settembre, quando ci saranno tante gare nelle quali avremo l’opportunità di poter correre. Anche ad agosto, capendo quando faranno il Tour de France o meno, le gare saranno poche e anche le World Tour avranno 30 corridori, prenderanno parte a gare che non volevano fare. Quindi sarà una ressa per andare a correre per le 1.1 e 2.1, diventa difficile. La speranza è fare un bel mese di settembre, con calendario italiano o meno, e poi che ci sia il Giro d’Italia d’ottobre. Speriamo di poter fare 2-3 mesi pieni in quel periodo.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Gianfranco Di Pretoro

    Ai Responsabili del ciclismo agonistico su strada
    .
    LETTERA APERTA

    Quando il mondo sospeso di COVID 19 ci lasciera’,tante famiglie,aziende e sport si faranno tanto male almeno sul fronte dei soldi!Il ciclismo agonistico su strada è tra i piu’ esposti alla crisi economica.L’attivita’ costa tanto e non produce reddito dal pubblico per gli organizzatori,tutti in balia degli sponsor,dei contributi regionali e comunali ,della presenza televisiva in gran parte negata.A peggiorare la situazione è il suo essere di sport tradizionalista,ben lontano dal ritmo televisivo,caratteristica invece di altri sport ,spesso noioso e dall’esito scontato,un documentario paesaggistico ad alto costo.Naturalmente,a rimetterci è l’anello debole del sistema,il ciclista.
    Il dopo Covid 19 costringera’ anche il ciclismo ad abbattere i costi,strizzare le menti per trovare denaro e proporre nuove idee per una maggiore visibilita’.
    Eppure.questo sport ha tutto quello che serve per essere inserito nel mondo moderno come il coraggio,l’avventura,la velocita’,il rispetto per l’ambiente,storia e personaggi da far invidia e soprattutto, un veicolo vantaggioso per gli sponsor.Necessita soltanto dello scontato rinnovamento a cui ,personalmente,desidero collaborare.Di seguito alcune proposte:

    1 Coordinamento periodico delle varie componenti del ciclismo a tutti i livelli,mondiale,nazionale e regionale per gestire il movimento con lungimiranza e gradualita’.

    2 Il vero rinnovamento del ciclismo deve partire dall’alternanza meritocratica attraverso i risultati acquisiti nelle gare.

    3 Il Doping è una macchia indelebile per l’atleta,per lo sport.Tanti sono i colpevoli ma a pagare è solo l’atleta,segnato per sempre,altro che due anni.Meglio ,allora,radiarlo alla prima positivita’!
    Altro discorso è la “Regola del Whereabouts” che offende alla radice i diritti umani di liberta’ e dignita’ dell’atleta.In sintesi,i ciclisti ,come altri sportivi di valore nazionale,devono comunicare la reperibilita’ giornaliera per i controlli anti-doping fuori delle gare.
    Finiamola con quest’accanimento medievale.I controlli vanno fatti in occasione delle gare visto che esiste gia’ il passaporto biologico.Risparmiamo soldi e rispettiamo la dignita’ della persona.In allegato la mia Istanza al Coni del 2011(tramite mio figlio Avv,Francesco Di Pretoro)sull’argomento,rimasta,naturalmente ,senza risposta(Allegato 1)!

    4 Signori Organizzatori,il destino del ciclismo su strada è nelle vostre idee,voi siete i registi del nostro sport.Conosco per esperienza diretta le vostre difficolta’ ma dobbiamo assolutamente rinnovarci per dare al ciclismo una veste adeguata ai tempi del dopo Covid 19.Punti fermi:ridurre i costi di gestione,diminuire la dipendenza dai finanziamenti esterni,gare piu’ frizzanti,pubblico in qualche modo pagante.Di seguito le mie proposte:

    a)Diminuire i km ed il tempo di gara.160 km,quattro ore di corsa sono piu’ che sufficienti per far conoscere il territorio e divertire gli appassionati.L’ideale?120 km in linea e 40 in circuito.Finiamola con il ritenere una gara importante solo se supera i 200 km.Il corridore resistente non paga piu’,permette, con la sua squadra, la fuga calcolata e …. tanta,tanta noia.Questo discorso vale anche per il Campionato del mondo.Ottimo l’inizio in linea ma come si fa’ a proporre un circuito finale di 15-20 km .La F1 gareggia a Monza in 5.793 mt e la moto GP, al Mugello 5.245 mt.In tanti anni di mondiali non ho mai visto(esclusi gli ultimi km)i ciclisti proseguire la corsa con distacchi superiori ai 7 minuti.I chip,montati sulle bici, non servono ad evitare la confusione?
    Infine,meno km ,meno costi e piu’ attenzione al percorso per la sicurezza del concorrente.Vi sembrano poco?

    b)I Traguardi volanti con abbuoni “sostanziosi” e punti nelle gare a tappe nonche’ i soldi in quelle in linea(si puo’ fare la classifica unica attraverso la sommatoria dei punti tipo l’americana) sono indispensabili per movimentare la corsa,scombinare i piani delle squadre e tenere vigile lo spettatore davanti alla tv.Ne metterei tanti(gran premi della montagna compresi),non meno di quattro.

    c)L’arrivo come lo stadio.Gli ultimi 200 mt. attrezzati con tribune per vivere uno spettacolo di due ore.Il mix giovani cantanti e gare tipo pista sono perfetti fino all’arrivo della corsa principale o meglio,all’ingresso di quest’ultima nel circuito di 5-7 km da ripetere piu’ volte.Intorno, gli stands per acquistare i gadget,osservare le bici dei campioni , mangiare un panino con la birretta e giocare ad indovinare chi vince.
    Chi non pagherebbe 5-10 Euro per gustarsi tale evento?
    Festa grande per la citta’ e soldi risparmiati per l’organizzatore, se la partenza e l’arrivo coincidessero.

    d)Il gioco è il miglior collante fra evento e tifoso soprattutto quando non c’è un Pantani o una squadra a cui legarsi.La corsa ciclistica offre numerose possibilita’ di gioco legato al piazzamento di una decina di concorrenti,ai traguardi volanti,al gran premio della montagna,all’ordine di arrivo,alla classifica.I premi?Semplicemente rappresentati dai prodotti degli sponsor.

    e)Ogni gara deve organizzare sullo stesso percorso anche la cicloturistica o medio fondo visto che l’appassionato di ciclismo è anche un buon pedalatore.Sarebbe perfetto prevederla prima della gara principale,nello stesso giorno.Gia’ penso agli ultimi 50-70 km di un tappone con arrivo in salita!

    f)Mi auguro,infine, che il nuovo ciclismo agonistico su strada offra Montepremi piu’ alti ai ciclisti che,correndo “senza rete”, rischiano continuamente di farsi male per soddisfare interessi piu’ grandi di loro.

    5 Le squadre ciclistiche moderne necessitano di una cultura manageriale di non poco conto e la consulenza di esperti.Le squadre minori sono veri e propri sodalizi benemeriti per la promozione dei giovani al ciclismo e la loro educazione in senso lato .Tutte cercano sponsor affidabili ma nella realta’ molte si affidano alla generosita’ dei soci e degli appassionati.Sganciarsi dagli sponsor è un’utopia ma non ci si puo’ limitare a seguire solo i ragazzi nell’attivita’ sportiva.Dalla sede sociale devono partire numerose iniziative collaterali come l’ organizzazione di viaggi al seguito della squadra,feste sociali,vendita di gadget ecc.ecc.

    6 Fondo di solidarieta’ per le squadre agonistiche giovanili,quelle degli esordienti,allievi e Juniores.Queste,infatti,sono le associazioni piu’ vulnerabili economicamente ma anche le piu’ utili per lo sviluppo del ciclismo.In fondo,sarebbero sufficienti 5 euro prelevati dalla quota di iscrizione alle gare amatoriali,cicloturistiche o gran fondo per formare annualmente il fondo di solidarieta’ da consegnare a fine anno ai primi della classifica con una significativa cerimonia.Sarebbe opportuno coinvolgere anche gli Enti,visto che parlano sempre di promozione al ciclismo.Di seguito la mia ipotesi:
    L’ammontare complessivo del Fondo di Solidarieta’,comprese le eventuali donazioni spontanee, sara’ diviso fra le tre categorie con questa percentuale :45% Juniores,30% Allievi e 25% Esordienti.La somma per ciascuna categoria verra’ equamente distribuita alle squadre meritevoli del Nord,Centro e Sud Italia.
    Il contributo sara’ elargito alle societa’ sulla base delle gare concluse (o quanto meno superata la meta’ del percorso)dai loro atleti.Ogni ciclista acquisisce un punto per ciascuna gara maggiorato di una percentuale basata sui chilometri percorsi(la strada piu’ diretta)dalla sede societaria al luogo di partenza : 2% da 0 a 50 km-5% da 51 a 100 ed il 10% da 101 ad oltre.Esempio:2 ciclisti gareggiano a Roma provenienti da Pescara(loro Sede) ovvero km 208.Conclusa regolarmente la gara,alla societa’ andranno 2,2 punti.I giudici ricevono prima della partenza il modulo riempito dalla squadra.Al termine della corsa,lo stesso,sara’ riconsegnato con il punteggio aggiornato.

    7 Voglio concludere le mie proposte con la “sicurezza” dei ciclisti in allenamento sulle strade aperte al traffico.Chiariamo le idee:il ciclista è in balia di mezzi piu’ pesanti e veloci,spesso guidati da persone stanche,distratte o alterate.Certamente si tende a scegliere le strade scarsamente trafficate ma basta uno screanzato e la giornata finisce male.Si pedala in sicurezza solo nelle ciclovie separate(Foto 2),rare e costose,talvolta inutili per certi lavori.Il giusto compromesso l’ho riscontrato nel nord Europa,in cui si riconosce all’utente ciclista il suo spazio su tutte le strade,anche quelle strette(Foto 3-4).Tale corsia ciclabile puo’ essere invasa dagli automezzi solo in assenza di chi pedala(Foto 5).Ritengo,infine, utilissime le varie campagne pubblicitarie a nostro favore e rivolte ai motorizzati(Foto 6) nonche’ i ciclodromi(Foto 7),impiantati ai margini delle citta’, per divertirsi in sicurezza.E’ decisivo ,per avviare concretamente la diffusione di tali infrastrutture, l’intervento dei dirigenti del ciclismo presso i Ministeri delle Infrastrutture e dello sport,presso le Regioni ed i Comuni.

    Chi ritiene utile questo lavoro lo diffonda,lo dibatta con gli altri, per far crescere il ciclismo su strada!Grazie.

    Gianfranco Di Pretoro

    Roma 9 4 2020

    Impegno con la FCI nel tempo(Foto 8) e quello attuale con l’Associazione G.D.P.(Foto 9)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.