© Sirotti

UCI, David Lappartient: “Preoccupati dalle conseguenze di un eventuale mondiale di calcio ogni due anni”

Il ciclismo teme le decisioni del mondo del calcio. A rivelarlo è David Lappartient, presidente dell’UCI, che in un’intervista rilasciata all’agenzia francese AFP ha ammesso di essere preoccupato dalla proposta della FIFA, omologo calcistico dell’istituzione di cui è capo, di disputare il mondiale di calcio ogni due anni e non ogni quattro, come invece avviene attualmente. A preoccupare il bretone è la possibilità che il mondiale di calcio possa contribuire a offuscare il Tour de France, evento intorno al quale gira l’intero movimento, come è stato ammesso più volte durante il lockdown, che abitualmente soffre un calo di ascolti nell’anno dei mondiali di calcio.

Siamo preoccupati dalle conseguenze sul ciclismo e sul nostro evento principe, il Tour de France – ha dichiarato – Ogni quattro anni notiamo un calo di ascolti quando c’è la coppa del mondo. È un evento che, per il suo peso enorme, attira gli sponsor e questo ovviamente ha delle conseguenze sugli altri sport. Basta consultarne l’impatto negli anni in cui si tengono. Sappiamo che i budget dei media e degli sponsor non son dilatabili e tennis, ciclismo e golf potrebbero essere i tre sport che ne risentiranno di più. Malumori? Sì, si possono esprimere alcuni malumori, ma non voglio interferire con il governo del calcio”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *