Strade Bianche 2020, Mathieu van der Poel sfiancato dopo una foratura: “È stato mentalmente difficile finire la gara”

Quella di ieri non è stata la giornata di Mathieu van der Poel. Partito come grande favorito della Strade Bianche 2020, l’alfiere della Alpecin-Fenix si è dovuto arrendere alla sfortuna proprio sul più bello. Andato in avanscoperta con Julian Alaphilippe a 90 chilometri dal traguardo, entrambi si sono dovuti fermare a causa di una foratura che di fatto è stata loro fatale. Con delle condizioni ambientali così difficili, lo sforzo per rientrare è stato fatale e così non ha potuto seguire i migliori nelle fasi cruciali dovendosi accontentare del quindicesimo posto a dieci minuti dall’acerrimo rivale, Wout van Aert.

“Ho dovuto dare fondo alle enegrie per rientrare dopo quella foratura con Alaphilippe e alcuni altri corridori – ha raccontato a WielerFlits – Tutti quelli con cui sono rientrati si sono staccati sul Monte Sante Marie. Ho superato il limite e dopo quel passaggio è finita”. La delusione è quindi molta: “Sono piuttosto deluso. Nel momento in cui ho forato, mi sentivo abbastanza bene”.

In ogni caso è riuscito ad arrivare fino in fondo: “Non credo che il risultato rifletta la mia gara. È stato mentalmente molto difficile finire la gara. Ma alla fine è stata un’esperienza molto bella. Se farò un buon risultato mercoledì a Milano-Torino, allora avrò immediatamente una buona sensazione per la Milano-Sanremo” ha quindi concluso.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.