© ASO / Broadway

Parigi-Nizza 2020, l’UCI impone di cambiare il presidente di giuria: si tratta di un italiano (aggiornato)

Gli effetti collaterali del coronavirus in Italia arrivano anche alla Parigi – Nizza 2020. Se in Italia, il decreto governativo ha di fatto imposto lo stop a tutte le corse, per gli italiani non va meglio nemmeno fuori dallo stivale. In extremis, infatti, l’UCI ha cambiato il presidente di giuria della corsa del sole, visto che quello inizialmente designato, Gianluca Crocetti, era “un italiano proveniente dalla zona rossa”, secondo quanto inizialmente comunicato. La massima istituzione ciclistica non ha dunque permesso al commissario italiano di presentarsi alla corsa, costringendo l’organizzazione a una sostituzione last minute con un commissario che invece proviene dalla Spagna.

AGGIORNAMENTO: Contrariamente a quanto comunicato ai nostri inviati sul posto, il presidente di giuria incaricato inizialmente, Gianluca Crocetti, non è proveniente dalla zona rossa, ma è toscano, della provincia di Massa Carrara. Una precisione importante quella che ci è stata fatta e che vogliamo pertanto riportare in questo periodo così confuso, in cui è facile cadere in errore, ma è importante invece essere precisi per evitare qualsiasi tipo di reazione sbagliata ad eventuali situazioni ed incompresioni.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *